14/07/04  - Dieta in presenza di cirrosi alcolica - Alimentazione

14 luglio 2004

Dieta in presenza di cirrosi alcolica





Domanda del 14 luglio 2004

Domanda: Dieta in presenza di cirrosi alcolica


Domanda di Alimentazione, inviata in data 14 luglio 2004.

Mio fratello ha 39 anni e nel febbraio 2003, a seguito di un'emorragia alle varici dell'esofago, gli è stata diagnosticata la cirrosi alcolica.A detta dei medici (e come si può desumere dagli esami ricorrenti a cui è sottoposto) le sue condizioni sono nettamente migliorate.Vorrei sapere qual'è il miglior regime alimentare da seguire in questi casi poichè i dottori interpellati hanno dato risposte diverse, ad esempio può mangiare pesce di mare, formaggio, carne, pane o no ? Può svolgere attività fisica (non a livello agonistico) ? Grazie
Risposta del 17 luglio 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Posso rispondere solo per la parte dietetica, e in linea generale, dato che sarebbe necessario conoscere la situazione nel dettaglio.
Le tre cose fondamentali sono: che i grassi non dovrebbero superare i 30-35 g al giorno, e dovrebbero essere sostanzialmente costituiti da olio di oliva extravergine crudo; che è molto importante l'apporto di zuccheri semplici, quali frutta fresca ben matura, marmellata di frutta, miele, gelatina di frutta; che la dieta non dovrebbe contenere più di 235 mg di sodio al giorno, quindi vanno utilizzati dei sali senza sodio, anche per bollire la pasta.
Ok latte e yogurt magro, té leggero, minestre di verdure, semolino, riso, pasta conditi con olio crudo e pomodoro fresco, gnocchi di patate e semolino; tacchino, manzo, pollo, vitello, coniglio ai ferri, arrosto, a vapore e lessati; sogliola, nasello, trota ai ferri, alla griglia, lessati e conditi con olio e limone; bresaola; mozzarella, ricotta, quartirolo, scamorza (ma con dei limiti legati al sale); verdure fresche, lessate o crude, con olio e limone, specialmente patate lessate o al forno, zucchine, carote, sedano; pane abbrustolito non integrale, fette biscottate, crecker, grissini e crecker senza grassi; acqua fontis o minerale non gasata; crostata e dolci da forno senza grassi o creme.
Evitare i legumi, maiale, frattaglie; uova solo alla coque, sode o cotte in tegame con poco olio, ma non più di 2 volte la settimana; vino. Proibitissimi brodi grassi, paste ripiene, carni e pesci grassi, zuppe di pesce, insaccati, grassi da cucina; cavoli, cavolfiori, peperoni, pomodori verdi, cetrioli, spinaci, melanzane, ravanelli, funghi; banane, castagne, frutta secca, fichi, fragole; cibi fritti, cioccolato.

Per quanto riguarda l'attività fisica, la parola a qualche collega internista.
Saluti.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Risposta del 22 luglio 2004

Risposta di FRANCESCO SALERNO


Se la Cirrosi era compensta, la dieta di suo fratello può essere abbastanza libera, ricordando di variare gli alimenti per permettere un apporto equilibrato di elementi. La cosa assolutamente importante è di astenersi da qualsiasi bevanda alcolica. Se invece la Cirrosi fosse stata scompensata per presenza di ascite (liquido in addome), allora bisogna osservare una dieta iposodica (introdurre poco sale).
L'attività fisica non è controindicata, anche se è un consiglio più preciso lo può dare solo il medico che ha in cura suo fratello.

Prof. francesco salerno
Universitario



Il profilo di FRANCESCO SALERNO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Alimentazione



Potrebbe interessarti
Torta tutta mele con farina di mais
Alimentazione
17 novembre 2017
Le ricette della salute
Torta tutta mele con farina di mais
Insalata calda con sgombro, ceci e cimette di rapa
Alimentazione
13 novembre 2017
Le ricette della salute
Insalata calda con sgombro, ceci e cimette di rapa