19/09/03  - Digestione...stress? - Stomaco e intestino

19 settembre 2003

Digestione...stress?




Domanda del 19 settembre 2003

Domanda


Sono una ragazza di 28 anni, mesi fa mi sono sposata e da alcuni mesi prima ho iniziato ad avere problemi di digestione, infatti subito dopo mangiato sentivo lo stomaco gonfio ed dopo iniziavo ad emettere molti piccoli rutti, dopo di che mi si formava un fastidioso "cerchio" alla testa, ho provato con tisane ed altre cose naturali, più di tanto non... ma diciamo che riuscivo a convivere pensando anche che la causa scatenante fosse lo stress pre-matrimonio. Infatti dopo questo sembravo rinata! Se non che da un mese ho scoperto di essere incinta...felicissima...ma da circa due settimane il problema si è ripresentato, stomaco gonfio, piccoli rutti in continuazione, pesantezza e sonnolenza con conseguente dolore alla testa. Le chiedo cortesemente un consiglio o qualche rimedio. Ringrazio e saluto.
Risposta del 26 settembre 2003

Risposta di ANTONIO MARRAFFA


E' possibile che con l'inizio di una gravidanza si instauri o ritorni un problema gastrico di tipo funzionale(alterata motilità)dovuto a diversi fattori.Ne parli col ginecologo perchè in gravidanza solo alcune sostanze possono essere assunte in tutta tranquillità.Molti auguri per tutto.

Dott. ANTONIO MARRAFFA
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata


Il profilo di ANTONIO MARRAFFA
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Stomaco e intestino



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Le tre fasi dei diverticoli
Stomaco e intestino
10 febbraio 2018
Notizie
Le tre fasi dei diverticoli
Due italiani su tre sconfiggono il tumore del colon-retto
Stomaco e intestino
30 gennaio 2018
Notizie
Due italiani su tre sconfiggono il tumore del colon-retto
Caffé: sei buoni motivi per assolverlo
Stomaco e intestino
25 gennaio 2018
Notizie
Caffé: sei buoni motivi per assolverlo