29/06/08  - Disagio bambino - Mente e cervello

29 giugno 2008

Disagio bambino




Domanda del 29 giugno 2008

Domanda


sono la mamma di un bimbo di tre anni che ultimamente e' particolarmente aggressivo e capriccioso. In casa c'e' un'atmosfera abbastanza pesante, dovuta ad una fase di pre-separazione tra me e il mio compagno, non ancora esplicitamente comunicata al piccolo, ma ovviamente da lui percepita. Anzi ben compresa, soprattutto nell'ultimissimo periodo a causa di un episodio cui mai avrei voluto che mio figlio dovesse assistere: il mio compagno in uno scatto di ira ha distrutto il mio telefono cellulare e ha alzato le mani su di me. Il tutto in presenza del bambino che era spaventatissimo. Ho chiamato i carabinieri. Questo l'ha finalmente scosso, adesso sta andando da uno psichiatra e la situazione in casa e' un po' piu' tranquilla. Questo non cambia la mia decisione e, soprattutto, il trauma che il bambino ha subito: ogni tanto prende a calci gli oggetti dicendo di imitare il papa', nasconde il telefonino perche' "papa' lo potrebbe rompere" e, esploit di oggi, in un attacco di collera ha detto di voler uccidere me e il padre! Lo psichiatra del mio compagno sconsiglia di portare il bimbo da uno psicologo adesso, perche' si tratterebbe di un ulteriore trauma, ma io sono fortemente preoccupata e temo di sbagliare.... Cosa mi consigliate? Grazie Mary
La domanda è in attesa di risposta.
Per rispondere alla domanda clicca qui

Sei un medico? Clicca qui e scopri come aderire al servizio.


Domande e risposte di Mente e cervello



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Adolescenti: gli smartphone alterano il ritmo sonno-veglia
Mente e cervello
04 gennaio 2018
Notizie
Adolescenti: gli smartphone alterano il ritmo sonno-veglia
Depressione: tale padre, tale figlio
Mente e cervello
26 dicembre 2017
Notizie
Depressione: tale padre, tale figlio
Positivo o negativo? Lo stress non è uguale per tutti
Mente e cervello
23 dicembre 2017
Notizie
Positivo o negativo? Lo stress non è uguale per tutti