14/12/04  - Disegno3 - Mente e cervello

14 dicembre 2004

Disegno3





Domanda del 14 dicembre 2004

Domanda


Sono la persona che ha scritto per disegno e disegno:aggiornamento. L'altra sera stavo pulendo la mia stanza e mia moglie mi ha sentito ed ha cominciato a pulire la sua, la pulizia e' stata poco scrupolosa e si e' limitata ai pavimenti lasciando strati di polvere sui mobili. Ho pensato che stesse migliorando anche perche' sembrava ci si potesse parlare tranquillamente, pero' l'altro giorno mi ha aggredito accusandomi dapprima di averle nascosto lo stato di salute del bambino mentendole sulla temperatura dello stesso (ho dovuto dirle di telefonare alla guardia medica che registra le conversazioni e che ho chiamato io per sincerarmi della posologia delle medicine da somministrare a mio figlio) e quindi la sera successiva, dato che il bambino manifestava la tendenza a voler stare con me e non con la madre, ha cominciato ad aprire con violenza le ante dell'armadio e ad estrarne le sue cose per poi dirmi che il tempo della cortesia era finito in quanto io cercavo a suo dire di monopolizzare le attenzioni del bambino per sottrarlo a lei. Io ho cercato di tranquillizzarla ma invano. Il bambino tende a risentirne (mi ha detto che non vuole venga babbo natale da noi e che vorrebbe che hulk distruggesse la nostra casa in modo che la nostra famiglia possa ricostruirla) ed io ne sono addolorato. Io sto cercando di sforzarmi per il bene di mio figlio ma e'difficile. Cosa posso fare? Il fatto che abbia sommariamente pulito la sua stanza puo' essere indice di un miglioramento oppure e' puro spirito di emulazione?
Risposta del 17 dicembre 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Non starei a guardare al microscopio certe cose. La vostra situazione familiare è molto compromessa. Perché non prova a chiedere alla sua asl di riferimento la possibilità di fare alcune sedute di terapia familiare? Forse potrebbe essere un buon modo per sbloccare le cose, almeno ci sarà qualcuno che vi darà una mano.
Per favore, non stia fermo ad aspettare che le cose cambino da sole.
Mi tenga sempre informata. Un caro saluto.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Mente e cervello



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
L’autolesionismo diventa digitale e passa dai social network
Mente e cervello
11 dicembre 2017
Notizie
L’autolesionismo diventa digitale e passa dai social network
Nella depressione post-partum contano anche le stagioni
Mente e cervello
23 novembre 2017
Notizie
Nella depressione post-partum contano anche le stagioni