24/02/08  - Disturbi d'ansia e di umore - Mente e cervello

24 febbraio 2008

Disturbi d'ansia e di umore




Domanda del 24 febbraio 2008

Domanda


Gentilissimo Dottore, sono una ragazza di 28 anni. Sono decenni che ho vari problemi psicologici, problemi che, in un modo o nell'altro mi hanno sempre impedito di vivere la mia vita in piena libertà. E' iniziato tutto con una stupida fobia del vomito da piccola,(e dipendenza da plasil) e poi alti e giù con l'umore, periodi che nn controllavo più la mia mente, paura di perdere il controllo, attacchi d'ansia, paura di impazzire, di morire, di fare del male a qcuno a cui volevo bene etc..E poi pensieri disturbanti..ho iniziato terapie che puntualmente ho interrotto perchè mi facevano più male che bene..finchè poi arrivano gli attacchi di panico, paura di uscire da sola, paura di tutto, depressione, fobia di vomitare che ricompare. Trovo uno psichiatra eccezionale che ora purtroppo nn c'è più..che mi ha curato col Sereupin..sto decisamente meglio, anche se ho messo qualche kg e sono sempre stanca..ma sono riuscita a laurearmi , a nn prendere più pasticchette varie, a nn scappare più dai luoghi pubblici..anche se a volte mi ricapita di ristare male mi controllo meglio. Ho dei su e giù con l'umore per i quali mi aveva segnato degli stabilizzatori ma nn li ho mai presi e purtroppo nn lo ha mai saputo perchè purtroppo il mio medico è morto prima che glielo dicessi. Ora sto meglio anche se mi sento sempre quel qualcosa che nn va..e ciclicamente, ho notato in alcuni periodi dell'anno tipo agosto e novembre cado in depressione e ho disturbi ossessivi, pensieri disturbanti nonostante la compressa di Sereupin..e nn solo ciò mi capita anche quando che ne so voglio vivermi qcosa di bello, magari sono in viaggio o altro ed ecco i miei "disturbi" lì ad impedirmi di essere felice, quasi nn lo meritassi o in fondo nn lo volessi o avessi paura di dire che una cosa è andata bene. Inoltre vedo che ciò si riflette nel mio rapporto di coppia che dura da più di sette anni; dipendo emotivamente dal mio ragazzo e spesso sono troppo gelosa. Mi chiedo cosa c'è che nn va in me..Potrò risolvere definitivamente questi problemi visto che tutto sommato oggi sono l'unica cosa che nn accetto di me? Devo fare una terapia? Devo prendere altri farmaci? La prego mi dia un consiglio. GRAZIE.
Risposta del 28 febbraio 2008

Risposta di FRANCO MORI


Cara figliola, Lei chiede aiuto per affrontare meglio i suoi problemi, la maggior parte dei quali mi sembrano -come anche Lei giustamente li definisce- psicologici.
Per fare questo credo che Le convenga rivolgersi ad una persona che si sia formata a questo lavoro non soltanto andando all'Università per laurearsi in medicina od in psicologia, ma anche sottoponendo se stessa a tutto il lungo lavoro necessario per conoscere abbastanza anche gli aspetti più remoti e complessi di se stesso: uno psicoanalista. Non so dove Lei abiti, ma so che in molte città d'Italia vivono e lavorano degli psicoanalisti riconosciuti tali dalla Società Psicoanalitica Italiana. Le dò l'indirizzo web al quale può chiedere i nomi di colleghi che abitano in zona da Lei raggiungibile:www.spiweb.it

Dott. Franco Mori
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria



Il profilo di FRANCO MORI
Risposta del 28 febbraio 2008

Risposta di CESARE PARLATO


L'interruzione prematura di un rapporto terapeutico positivo può spesso essere fonte di conseguenze negative. Il sereupin, a mio parere, è adatto, ma forse il suo psichiatra aveva pensato che non fosse sufficiente. Comunque credo che i problemi da lei indicati, nel loro complesso, sembrano indicare la necessità di riprendere un rapporto con un nuovo psichiatra, possibilmente anche psicoterapeuta.

Dott. Cesare Parlato
Specialista attività privata
Specialista in Neurologia
Specialista in Psichiatria
MANTOVA (MN)



Il profilo di CESARE PARLATO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Comunicare è il verbo chiave di questi tempi social
Mente e cervello
01 luglio 2018
Libri e pubblicazioni
Comunicare è il verbo chiave di questi tempi social
La diversità potente
Mente e cervello
24 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La diversità potente
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea