05/07/08  - Disturbi visivi - Occhio e vista

05 luglio 2008

Disturbi visivi





Domanda del 05 luglio 2008

Domanda: Disturbi visivi


Domanda di Occhio e vista, inviata in data 05 luglio 2008.

Salve, sono un ragazzo di 23 anni. Da circa tre anni soffro forse di emicrania con aura visiva. dico forse perchè non è facile diagnosticarla. Il disturbo all'occhio non è sempre stato uguale: a volte mi rendo conto di non vedere una piccola parte di ciò che ho davanti. Poi se mi spavento il campo visivo si riduce. Il disturbo una volta durò mezzora. Un altra volta durò 15 minuti. Un altra volta 10 minuti. Poi tutte le altre volte sempre pochi minuti o pochi secondi. Due volta mi è capitato di percepire un tremolio nella parte angolare dell'occhio che non mi impediva di vedere bene. Una volta sola ho avuto un istantaneo oscuramento della vista. Il mal di testa a seguire è sempre stato generico, sopportabile, non localizzato. Spesso non è venuto. Solo l'ultima volta ho avuto un forte mal di testa sulla metà sinistra. Questo disturbo è comparso 2-3 volte in due anni. Ma da marzo a oggi si è ripetuto per ben 5 volte. Sono terrorizzato perchè consultando il vostro sito mi sono reso conto che il mio problema potrebbe essere legato a ischemie transitorie. I due neurologi consultati sinora mi hanno liquidato velocemente dicendo che sono ipocondriaco. L'ultimo è sicuro che la mia non sia emicrania e che devo tenermi questo disturbo senza preoccuparmi. Io dico: se non è emicrania cos'è? Devo pensare veramente che tra qualche anno potrei avere un ictus? sono disperato e impaurito. Gli esami da me sostenuti sinora, risultati tutti assolutamente negativi, sono i seguenti: ecocardiogramma e elettrocardiogramma da sforzo, risonanza magnetica alla testa, ecocolor doppler carotideo vertebrale con prove dinamiche, rx cervicale con prove oblique per forami di coniugazione. Ho fatto spesso esami del sangue quest'anno perchè sono donatore e non è mai risultato niente di strano.La mia pressione si attesta sui 120-80. Corro 30 miinuti al giorno. Ora, nella mia ignoranza, non so se ho già scongiurato il problema Tia, ma non credo. Per favore aiutatemi: quali esami risolutivi devo fare? Voglio scongiurare questa cosa: che cosa devo fare esattamente? Per favore rispondetemi il prima possibile perchè sono in preda al panico.
Risposta del 09 luglio 2008

Risposta di FEDERICO FRIEDE


Gentile paziente,
la sua anamnesi è piuttosto caratteristica per aura emicranica, credo sia difficile dire il contrario ed altrettanto difficile è ipotizzare un TIA alla sua età nelle sue condizioni di salute. Dato il suo atteggiamento ansioso la restrizione del campo visivo è verosimilmente da mettere in relazione con l'iperpnea che l'agitazione normalmente provoca. Gli altri disturbi sono aura emicranica. Ricordi queste semplici regole: un disturbo che interessa tutte e due gli occhi contemporaneamente non ha quasi mai causa negli occhi, un disturbo neurologico che non lascia alcuna conseguenza rilevabile non è mai preoccupante. Lei ha fatto esami su esami, ma si è rivolto ad un centro specializzato per le cefalee? Sopra a tutto cerchi di stare tranquillo che l'ictus e l'emicrania non hanno alcuna relazione tra loro.
Cordiali saluti

Dott. Federico Friede
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
FELTRE (BL)



Il profilo di FEDERICO FRIEDE
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Occhio e vista



Potrebbe interessarti