19/06/08  - Dolore ipocondrio dx - Stomaco e intestino

19 giugno 2008

Dolore ipocondrio dx




Domanda del 19 giugno 2008

Domanda


salve,da circa 1 anno 1/2 soffro di un dolore all'ipocondrio dx che si irradia allo sterno,al rene e a volte allo stomaco(persino al tatto)Non e' un dolore costante,peggiora comunque dopo l'assunzione di cibo e peraltro e' un dolore che si presenta anche a seconda di alcuni movimenti.nel gennaio 07 feci una eco all'add. sup.,ma l'esito fu:fegato e vie biliari regolari e coleciste dismorfica e alitiasica.in questo frangente ho avuto la mia sec. gravid.,ed ho effettuato 1 gastroscopia,consigliatami allora dall'ecografo,dopo 3 mesi dal parto ,fatta quindi in maggio 2008.Conclusioni :incontinenza cardiale,refl.biliare in cav. gastrica.Si consiglia scintigrafia x stud. funz. della coleciste.Eseguita. conclusioni:le anse intestinali sono visib. solo dopo assunzione di pasto.Marcato ostacolo al deflusso bilio-intestinale.Mi chiedo quale sia questo ostacolo,dato che l'eco era regolare.Forse dovrei fare altro esame data la lontana data dell' ecografia,potrebbe essere accaduto q.sa durante la gravidanza?io pero' il dolore l'ho gia' da prima.Soffro di ansia e depressione e inizio a impaurirmi .Di cosa potrebbe trattare?e a quale tipo di specialista dovrei rivolgermi?mille grazie
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Stomaco e intestino



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Patologie



Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Mal di viaggio: sintomi e rimedi
Stomaco e intestino
03 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Mal di viaggio: sintomi e rimedi
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Stomaco e intestino
19 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Stomaco e intestino
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici