27/05/08  - Efexor - Mente e cervello

27 maggio 2008

Efexor





Domanda del 27 maggio 2008

Domanda: Efexor


Domanda di Mente e cervello, inviata in data 27 maggio 2008.

Premetto che soffro da circa 5 anni di Attacchi di panico e ansia generalizzata, curata dal neurologo per circa 3 anni con vari farmaci (Sereupin, Laroxil, Cipralex) che mi hanno fatto sì migliorare, ma mai guarire completamente. Ora dopo circa 1 anno e mezzo di sospensione di qualsiasi cura (tranne l'alprazolam che ho iniziato a prendere con i primi psicofarmaci, e che ho continuato anche dopo la loro sospensione), da parecchi mesi gli attacchi di panico e l'ansia sono di nuovo aumentati (tenuti a bada solo parzialmente dall'alprazolam). Mi sono rivolta ad uno psichiatra che mi ha prescritto Efexor 75 rilascio prolungato per una settimana, per poi passare a 150. Ora il problema è che negli ultimi mesi sono diventata molto "impressionabile" ed ho molta paura di iniziare questa nuova cura; paura dei possibili effetti collaterali. Non ho il coraggio di prendere la prima pastiglia... Forse questa mia paura è dovuta al fatto che alcuni mesi fa, all'acuirsi degli Attacchi di panico e dell'ansia, ho provato a prendere una piccola parte di una compressa di Cipralex (che in precedenza non mi aveva mai causato alcun effetto collaterale tranne...blocco sessuale) per riabituarmi poco per volta e magari ritornare a prendere la dose abituale, ma sono stata malissimo, con brividi, nausea, tremore, come se avessi avuto una forte influenza. Come posso riuscire ad iniziare questa nuova cura (il foglietto illustrativo all'interno della confezione è lungo come un lenzuolo e pieno di ogni possibile effetto collaterale e avvertenze...) senza averne il terrore? E effettivamente, possono presentarsi effetti collaterali e di quale entità? Moltissime grazie!!!! Sono molto spaventata....
Risposta del 30 maggio 2008

Risposta di MAURO MILARDI


La problemtica di fondo va affrontata sia su un piano farmacologico, sia su quello psicoterapeutico per essere veramente efficace.Per i farmaci quelli da lei indicati sono normalmente usati in questa tipologia di problemi. Certo dipende da come il suo medico le prescrive (quantità, rapporto tra benzodiazepine ed antidepressivi, ecc.).

Dott. Mauro Milardi
Specialista attività privata
Specialista in Anestesia e rianimazione
Specialista in Igiene e medicina preventiva
Specialista in Psicologia
ANCONA (AN)



Il profilo di MAURO MILARDI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Mente e cervello



Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Telelavoro: pregi e difetti
Mente e cervello
15 novembre 2017
News
Telelavoro: pregi e difetti
A passo di danza si invecchia meglio
Mente e cervello
09 novembre 2017
News
A passo di danza si invecchia meglio