03/06/08  - Emicranea con nausea - Mente e cervello

03 giugno 2008

Emicranea con nausea




Domanda del 03 giugno 2008

Domanda


Gentile Dottore, sono una donna di 29 anni, vivo lontana dalla mia famiglia di origine alla quale sono molto legata,ma che ho 'abbandonato' per cercare lavoro al nord. Il mio problema si manifesta puntualmente quando mi reco a trovare i miei genitori giù, nonostante io sia felicissima di rivederli e riabbracciarli il primo giorno del mio arrivo mi prende un dolore fortissimo e pulsante alla testa con nausea che mi dura anche tutto un giorno. Questo passa se mi addormento e al giorno dopo scompare. Credo che sia un disturbo psicosomatico e vorrei chiederLe come e se posso fare qualcosa per evitare che ciò avvenga anche perchè mi spiace che mia madre inizi a pensare che infondo non mi fa piacere andare a trovarli. grazie mille
Risposta del 06 giugno 2008

Risposta di GABRIELE GALLO


Al di là del legame con la famiglia, è evidente che tornando ogni volta sul luogo che "ha abbandonato", si riaccende interiormente un pensiero negativo ( il rifiuto dell'ambiente ? o di qualcos'altro che la disgusta? ), che somatizza con la nausea e con la Cefalea che passano solo dimenticando (sonno). Il problema è trovare il disagio che si ricrea dentro ed eliminarlo, cioè consapevolezza ed accettazione.

Prof. Gabriele Gallo
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Dermatologia e venereologia
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
Specialista in Psichiatria
ROMA (RM)



Il profilo di GABRIELE GALLO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Energia Mentale
Mente e cervello
27 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Energia Mentale
Terza età. Peggiora la qualità del sonno
Mente e cervello
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Terza età. Peggiora la qualità del sonno