02/06/08  - Emicrania aurea - Mente e cervello

02 giugno 2008

Emicrania aurea




Domanda del 02 giugno 2008

Domanda


penso di soffrire di emicrania aurea:e' iniziato circa 16 anni fa tutto ha inizio cosi' inizio ad avere una visione come di uno specchio rotto nausea stordita poi quando ritorno a vedere bene dalla parte opposta di dove vedevo male mi scoppia un mal di testa micidiale e ne' aspirina aulin sinflex me lo fa passare.mi devo coricare al buio rilassarmi e dopo circa due ore mi passa rimanendo comunque frastornatata la frequenza negli anni e' passata da 2 volte all'anno a 6/7 cosa posso fare? sono terrorizzata al sol pensiero che possa succedermi anche ora che sto scrivendo chiedo per favore un aiuto grazie betty
Risposta del 05 giugno 2008

Risposta di MASSIMO MUCIACCIA


Cara Betty,

il problema non sembra così grave!
Per gli attacchi di emicrania si possono utilizzare, oltre ai farmaci anti-infiammatori, anche i triptani, forse più specifici ed efficaci. Inoltre se gli attacchi dovessero aumentare in frequenza ed intensità si può effettuare un trattamento di profilassi con medicinali da assumere ogni giorno per cicli di 4-6 mesi. Per quanto riguarda l'emicrania con aura converrebbe escludere la presenza di forame ovale pervio con un ecodoppler transcranico con contrasto.
Rivolgiti ad un neurologo.
Tanti saluti ed auguri.

Dott. Massimo Muciaccia
Specialista attività privata
Medicina Territoriale
Specialista in Neurologia
BARI (BA)



Il profilo di MASSIMO MUCIACCIA
Per rispondere alla domanda clicca qui

Sei un medico? Clicca qui e scopri come aderire al servizio.


Domande e risposte di Mente e cervello



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Tutti i buoni motivi per ridere
Mente e cervello
19 gennaio 2018
Notizie
Tutti i buoni motivi per ridere
Paura di volare
Mente e cervello
17 gennaio 2018
Notizie
Paura di volare
Adolescenti: gli smartphone alterano il ritmo sonno-veglia
Mente e cervello
04 gennaio 2018
Notizie
Adolescenti: gli smartphone alterano il ritmo sonno-veglia