22/08/04  - Epistassi - Malattie infettive

22 agosto 2004

Epistassi




Domanda del 22 agosto 2004

Domanda


In seguito ad una Epistassi , ho avuto una emorragia direi "inarrestabile" ho perso in 3 tentativi di pronto soccorso almeno 2 litri di sangue e dopo 5 giorni di tamponi ancora mi cola sangue nonostante la cura (antibiotico+vitaminaK+Tranex 500mg) sono in attesa di bruciatura di un vaso e dagli esami fatti le piastrine sono a 125.000 valore ritenuto dall'otorino nella norma anche se un pò basso. Come mai allora tutta questa emoraggia? l'otorino diceva che il sangue addirittura usciva dal vaso a pressione continua e non pulsante! ho avuto come l'impressione che il mio sangue non coagulava per niente.. che esami e consigli potete darmi?
Vi ringrazio fin da adesso
Cordialmente
Risposta del 01 settembre 2004

Risposta di DOMENICO RESTIFO


se ha eseguito i test coagulativi di base (pt, aptt, fibrinogeno, piastrine e tempo di emorragia) e se nella Sua vita non ci sono stati precedenti di emorragie importanti spontanee o dopo, anche banali, traumi o interventi, può essere tranquillo sulla capacità emostatica del Suo sangue.
Verifichi, inoltre, di non soffrire di pressione alta.
Se quanto appena segnalato è negativo, il problema è locale, quindi di competenza otorinolaringoiatrica.

Dott. DOMENICO RESTIFO
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata



Il profilo di DOMENICO RESTIFO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Malattie infettive



Potrebbe interessarti
Micosi delle unghie dei piedi: cosa fare per combatterla
Malattie infettive
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Micosi delle unghie dei piedi: cosa fare per combatterla
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
Malattie infettive
14 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Con l'HIV non si scherza. La campagna del Ministero della Salute
La salute in crociera
Malattie infettive
10 giugno 2018
Libri e pubblicazioni
La salute in crociera