06/04/13  - Equipe chirurgica - Scheletro e Articolazioni

06 aprile 2013

Equipe chirurgica





Domanda del 06 aprile 2013

Domanda: Equipe chirurgica


Domanda di Scheletro e Articolazioni, inviata in data 06 aprile 2013.

Buongiorno sono un Medico specializzando in Ortopedia e Traumatologia la mia richiesta è la seguente:
-Ho notato diverse realtà all'interno dei gruppi operatori durante alcuni interventi di ricostruzione del LCA/LCP e nelle riparazioni atroscopiche delle Cuffie dei rotatori..
Piu' in particolare chiedo a voi esperti se rientra nella normalità delle cose che l'infermiere prepari il tendine da reimpiantare (LCA/LCP), suturi il peritenonio, cute e sottocute, quindi se sia lecito e soprattutto se anche in questi interventi quando saro' autonomo per normativa sia necessario il 2° chirurgo?

Ringraziandovi fin da ora per la cortese attenzione

Vi porgo Cordiali saluti
Risposta del 10 aprile 2013

Risposta di PASQUALE PRISCO


Gentile collega,
invece di risponderle, mi permetta di consigliarle di consultare uno specialista in medicina legale ed il mansionario dei parasanitari, secondo della loro qualifica.
Avrà la conferma a domande di cui in parte sembra già conoscere la risposta.
Cordiali saluti e se vuole mi riscriva.
L'argomento è intrigante.


Dott. Pasquale Prisco
Specialista in Ortopedia e traumatologia
Torre Annunziata (NA)

Il profilo di PASQUALE PRISCO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Scheletro e Articolazioni



Potrebbe interessarti
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Scheletro e articolazioni
03 ottobre 2017
News
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Scheletro e articolazioni
25 settembre 2017
Interviste
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Scheletro e articolazioni
12 settembre 2017
News
Troppa Tv mette a rischio la mobilità