17/12/04  - Esame PSA - Salute maschile

17 dicembre 2004

Esame PSA




Domanda del 17 dicembre 2004

Domanda


Caro Dottore, ho fatto un controllo del PSA. Premetto che ho 39 anni e da 2 anni assumo finasteride (Prostide, spezzata in 5), 1mg tutte le mattine. Faccio una pausa di 1mese ogni sei mesi. L'ultima pausa fu ad Agosto, quindi la sto prendendo continuamente da 4 mesi. Ho voluto fare per la PRIMA volta il controllo del PSA (anche perchè mio padre verso i 60 anni ha avuto un ingrossamento prostatico, poi degenerato in carcinoma, gli fu tolta la prostata, adesso sta bene anche se incontinente). Il valore che è uscito è: 2,25 ng/ml Che mi sembra troppo alto per la mia età, considerando il fatto che assumendo finasteride, il valore dovrebbe essere ancora più basso del normale. Lei cosa pensa? Grazie Luigi
Risposta del 20 dicembre 2004

Risposta di GIOVANNI BERETTA


Il PSA aumenta non solo per una patologia neoplastica ma per diversi e altri "problemi prostatici" ( infiammazioni , massaggio della prostata , dopo una ecografia transrettale, ecc) . Da quello che scrive e non avendo altri dati clinici è difficile darle un consiglio. Vista comunque la famigliarità da lei dichiarata potrebbe essere utile una valutazione diretta da parte di un urologo e l'eventuale esecuzione di una ecografia completa dell'apparato uro-genitale con urinocoltura e spermiocoltura . Cordiali saluti. Dr Giovanni Beretta urologo.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
FIRENZE (FI)



Il profilo di GIOVANNI BERETTA
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Salute maschile



Potrebbe interessarti
La procreazione assistita è anche una scelta socio-culturale
Salute maschile
16 ottobre 2017
Notizie e aggiornamenti
La procreazione assistita è anche una scelta socio-culturale
Fecondazione in vitro: l’età conta anche del futuro papà
Salute maschile
03 agosto 2017
Notizie e aggiornamenti
Fecondazione in vitro: l’età conta anche del futuro papà