28/05/16  - Esami del sangue sfalsati - Diabete tiroide e ghiandole

28 maggio 2016

Esami del sangue sfalsati





Domanda del 28 maggio 2016

Domanda: Esami del sangue sfalsati


Domanda di Diabete tiroide e ghiandole, inviata in data 28 maggio 2016.

Buongiorno, mia madre non è diabetica e il valore preso con la macchinetta del glucosio è sui 120 quindi nella norma ma nelle ultime analisi del sangue risulta glicemia 35 e omocisteina 64, specifico che mia mamma ha una dieta povera di elementi nutritivi causa intolleranze.
Grazie in anticipo.
Risposta del 12 giugno 2016

Risposta di RAFFAELE CANALI


Se il valore preso con la macchinetta è 120 ed è a digiuno non è normale, anche se non indica un diabete. La conferma deve essere fatta con un prelievo in laboratorio;fino a 100 la glicemia è normale, da 100 a 125 si ha una alterata glicemia a digiuno, se 126 o superiore può esserci diabete (il dato va confermato con altro prelievo). Il dato di 35 sicuramente è un errore. Per quanto concerne omocisteina, un eventuale trattamento va intrapreso dopo valutazione del quadro lipidico e dalla presenza o meno di altri fattori di rischio cardiovascolare. Ne parli con il medico curante. Buona serata

Dott. Raffaele Canali
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
Specialista in Endocrinologia, Diabetologia e malattie del ricambio
Desio (MB)

Il profilo di RAFFAELE CANALI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Diabete tiroide e ghiandole



Potrebbe interessarti
Giornata mondiale del diabete: la prevenzione è la cura più efficace
Diabete tiroide e ghiandole
13 novembre 2017
Interviste
Giornata mondiale del diabete: la prevenzione è la cura più efficace
Dia Day: al via campagna di prevenzione del diabete in farmacia
Diabete tiroide e ghiandole
06 novembre 2017
News
"Dia Day": al via campagna di prevenzione del diabete in farmacia
La vita in città aumenta il rischio di diabete
Diabete tiroide e ghiandole
02 novembre 2017
News
La vita in città aumenta il rischio di diabete