26/09/04  - Esito ecodoppler: che cosa ho? - Malattie infettive

26 settembre 2004

Esito ecodoppler: che cosa ho?





Domanda del 26 settembre 2004

Domanda: Esito ecodoppler: che cosa ho?


Domanda di Malattie infettive, inviata in data 26 settembre 2004.

Gentilissimi/e dott./sse,
Vi riporto l'esito dell'ecodoppler per ricevere un Vostro prezioso parere:

"A sn si rileva reflusso tronculare nella safena interna, non dilatata, appare incompetente dal terzo medio di coscia ed estende reflusso nel tratto di gamba.
Il reflusso stesso presenta caratteristiche di bassa altezza ma appare discretamente prolungato.
Non altri reperti patologici, sia morfologici che funzionali e flussimetrici, a carico dei rimanenti circoli profondi e superficiali bilateralmente esaminati."

Per maggior completezza di informazioni, io sono sempre quella ragazza che Vi ha più volte scritto, esponendoVi il problema di un persistente malessere alle gambe, provocato da gonfiore e senso di pesantezza a polpacci e caviglie.
Dall'ecodoppler che tipo di informazioni si possono, quindi, ricavare circa lo stato dei miei arti inferiori?

Vi ringrazio infinitamente.
Risposta del 28 settembre 2004

Risposta di GIUSEPPE CASTRIOTTA


Le domande poste (Esito ecodoppler: che cosa ho?) sono in realtà due: una cosa è la conclusione diagnostica di un esame Ecodoppler, altra cosa è (o può essere) la diagnosi conclusiva del caso in esame.
Ritengo comunque che tali domande vadano rivolte allo specialista (spero angiologo o chirurgo vascolare) che ha eseguito l'esame. Le conclusioni diagnostiche poste solo sulla base di un referto ecodoppler potrebbero non essere corrette; proprio per questo motivo ho più volte ribadito che l'esame ecodoppler dovrebbe essere eseguito da chi è anche in grado di effettuare una corretta ed adeguata valutazione clinica del caso.


Prof. Giuseppe Castriotta
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
BARI (BA)



Il profilo di GIUSEPPE CASTRIOTTA
Risposta del 29 settembre 2004

Risposta di VINCENZO MARTUCCI


Il fatto che non riferisca presenza di formazioni di tipo varicoso depone per un'insufficienza venosa che non ha ancora prodotto seri inestetismi e, in considerazione anche della giovane età, mi sento solo di consigliarLe, a rassicurante conferma di quanto Le avrà già suggerito il Collega che Le ha prescritto l'ecodoppler degli arti inferiori,
di evitare periodi prolungati seduta o in stazione eretta in assenza di movimento (e qualora si trovasse costretta a stare ferma in tali posizioni prenda l'abitudine di irrigidire e rilasciare continuamente i muscoli dei piedi e delle gambe per favorire il ritorno venoso); cerchi di tenere sempre durante il riposo le gambe sollevate e dorma anche coi piedi sollevati (possibilmente con l'impiego delle apposite reti speciali); si dedichi a sport di movimento; l'estate passeggi coi piedi nell'acqua ed usi il più possibile calze elastiche contenitive

Dott. vincenzo martucci
Medico Ospedaliero
UDINE (UD)



Il profilo di VINCENZO MARTUCCI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Malattie infettive



Potrebbe interessarti