29/06/08  - Esito esame istologico - Stomaco e intestino

29 giugno 2008

Esito esame istologico




Domanda del 29 giugno 2008

Domanda


A seguito di forti disturbi di acidità gastrica e apnee notturne ho eseguito la gastroscopia 2 volte a distanza di 8 mesi. Esito in entrambi i casi ERNIA JATALE DA SCIVOLAMENTO. ESOFAGO PRESENTA MINUTE EROSIONI. ESAME ISTOLOGICO : MUCOSA GASTRICA DI TIPO ANTRALE CON FOCALE FLOGOSI CRONICA E NOTE DI IPERPLASIA FOVEOLARE. MUCOSA DUODENALE MAREZZATA. Vorrei una spiegazione possibilmente chiara in merito. Le cure con lansoprazolo, gaviscon, pariet, riopan, non hanno dato molti benefici. Spesso soffro di pressione bassa e giramenti di testa
Risposta del 02 luglio 2008

Risposta di ALBERTO TITTOBELLO


Si tratta di Esofagite erosiva da reflusso, facilitata dalla presenza dell' Ernia iatale .L'esame istologico non mostra nulla di importante, solo conferma la presenza dell'infiammazione. E' strano che non abbia avuto effetto la terapia fatta, perchè è la migliore. Deve continuare con il Lansoprazolo da 30 mg, eventualmente a dose doppia ( 1 caps. la mattina e 1 la sera, prima dei pasti) per il primo mese.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Universitario
Specialista in Cardiologia
Specialista in Gastroenterologia
MILANO (MI)



Il profilo di ALBERTO TITTOBELLO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Stomaco e intestino



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Patologie



Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Mal di viaggio: sintomi e rimedi
Stomaco e intestino
03 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Mal di viaggio: sintomi e rimedi
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Stomaco e intestino
19 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Stomaco e intestino
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici