27/06/08  - Evoluzione della rettocolite ulcerosa - Stomaco e intestino

27 giugno 2008

Evoluzione della rettocolite ulcerosa




Domanda del 27 giugno 2008

Domanda


Salve dottore, alla mia fidanzata (30enne) è stata diagnistica ad inizio del 2008 la rettocolite ulcerosa; è in cura a Napoli e il alcuni periodi sta meglio e in altri molto meno; ultimamente ha effettuato una ennesima biopsia e riporto il risultato dell'esame istologico: "Mucosa con aspetti cicatriziali fibrotici della muscolaris mucosae e di ipertrofia ghiandolare della tonaca propria, sede di atteggiamento adenomatoso ghiandolare associato a displasia epiteliale di medio grave. Monitoraggio bioptico" è necessario l'intervento? con quale probabilità la displasia diventerà tumore? e nel giro di quanti anni? grazie
Risposta del 30 giugno 2008

Risposta di ALBERTO TITTOBELLO


Se la zona ghiandolare con displasia ha un'estensione limitata, si può asportare per via endoscopica, con il laser o con l'argon, se è estesa è necessario l'intervento chirurgico, perchè displasia grave significa che le cellulle hanno già incominciato a trasformarsi.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Universitario
Specialista in Cardiologia
Specialista in Gastroenterologia
MILANO (MI)



Il profilo di ALBERTO TITTOBELLO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Stomaco e intestino



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Patologie



Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Mal di viaggio: sintomi e rimedi
Stomaco e intestino
03 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Mal di viaggio: sintomi e rimedi
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Stomaco e intestino
19 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Stomaco e intestino
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici