23/03/11  - Feci nel retto dopo il parto - Stomaco e intestino

23 marzo 2011

Feci nel retto dopo il parto





Domanda del 23 marzo 2011

Domanda: Feci nel retto dopo il parto


Domanda di Stomaco e intestino, inviata in data 23 marzo 2011.

Egregi Dottori,
ho partorito da circa 40 giorni (secondo parto, naturale).
Toccando percepisco, nella parete posteriore della vagina, un leggero gonfiore (a volte di meno, a volte come una piccola "pallina"). Ho notato che talvolta riesco a percepire, sempre inserendo un dito in vagina, residui di feci nel retto, soprattutto la sera. Vado in bagno regolarmente, e non percepisco nessun fastidio o sensazione dolorosa.
La visita ginecologica di controllo ha evidenziato un rettocele "fisiologico".
La mia domanda è: il fatto che rimangano piccoli residui di feci nel retto è dovuto al rettocele o anche a un indebolimento generale della muscolatura che mi porta a spingere meno efficacemente? Ci sono margini di miglioramento (attraverso una rieducazione pelvica) o dovrò convivere con questa antipatica sensazione?
Grazie per l'attenzione
Cordiali Saluti


Risposta del 27 marzo 2011

Risposta di ALBERTO TITTOBELLO


E' molto probabile che sia come dice lei : rettocele e residui di feci vanno insieme. Certo che esistono rimedi, compresa una ginnastica pelvica, da esegguire, però, in Centri specializzati.

a href="http://www.dica33.it/Alberto_Tittobello?esp=7921" Alberto Tittobello /a
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Milano (MI)


Il profilo di ALBERTO TITTOBELLO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Stomaco e intestino



Potrebbe interessarti
L’intestino irritabile si cura con la dieta personalizzata
Stomaco e intestino
28 settembre 2017
Notizie
L’intestino irritabile si cura con la dieta personalizzata
Reflusso acido? Ecco la giusta alimentazione per tenerlo a bada
Stomaco e intestino
15 settembre 2017
Notizie
Reflusso acido? Ecco la giusta alimentazione per tenerlo a bada