19/11/02  - FITOESTROGENI - Salute femminile

19 novembre 2002

FITOESTROGENI




Domanda del 19 novembre 2002

Domanda


HO 49 ANNI.DA 9 SONO IN Menopausa PER UN'ISTERECTOMIA TOTALE.DA 7 ANNI USO GLI ESTROGENI(DERMESTRIL CEROTTI DA 50).IL MIO GINECOLOGO MI HA CONSIGLIATO DI PASSARE AI FITOESTROGENI,ALMENO PER 6 MESI,PERCHE',SECONDO IL SUO PARERE,GLI ESTROGENI VANNO USATI PER NON PIU'DI 5 ANNI.SONO MOLTO SCETTICA.GRADIREI AVERE UN CONSIGLIO E QUALCHE INFO IN PIU'SUI FITOESTROGENI.GRAZIE.
Risposta del 09 dicembre 2002

Risposta di EMILIO ARISI


Sappiamo che un utilizzo di estrogenoterapia sostitutiva per almeno 5 anni puo' determinare uin incremento pur modesto di rischio di tumore al seno. Pero' questo puo' essere ben controllato con una sistematica annuale mammografia.
Peraltro non vanno dimenticati i vantaggi che l'estrogenoterapia puo' garantire.
Bilanciare i pro ed i contro e' una operazione che va fatta per ogni singola donna.
I fitoestrogeni possono sostituire gli estrogeni piu' tradizionali, ma sempre di estrogeni si tratta. Solitamente sono estratti dalla soia, parte integrante delle abitudini alimentari dei popoli orientali. Qualche dato si comincia ora ad avere sui loro benefici, ma ancora non si tratta di dati consolidati. Ne' noi siamo nati e vissuti in Oriente, per ipotizzare che i vantaggi delle persone orientali siano gli stessi che ne possiamo ricavare noi.

Dott. EMILIO ARISI
Medico Ospedaliero



Il profilo di EMILIO ARISI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Salute femminile



Potrebbe interessarti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Salute femminile
22 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Come evitare le fratture delle ossa: dieci regole
Candida, cosa fare
Salute femminile
20 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Candida, cosa fare
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto
Salute femminile
07 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Amenorrea e oligomenorrea: ormoni e omeopatia possono essere d’aiuto