20/01/09  - Formicolio braccio sinistro dopo caduta - Scheletro e Articolazioni

20 gennaio 2009

Formicolio braccio sinistro dopo caduta





Domanda del 20 gennaio 2009

Domanda: Formicolio braccio sinistro dopo caduta


Domanda di Scheletro e Articolazioni, inviata in data 20 gennaio 2009.

Buona sera,
sono un ragazzo di 27 anni, pratico sport in maniera regolare (corsa e attività aerobiche 2 volte a settimana, nuoto o sci una volta a settimana).
8 giorni fa sono caduto facendo snowboard: appena mi sono rialzato, ho sentito il braccio sinistro che mi formicolava, e ho sentito il collo indolenzito. Il dolore al collo è durato circa 4gg, e ora è praticamente passato.
Invece, il formicolio, anche se si è attenuato, lo sento tutt'ora, a volte si accentua, arriva fino alla mano (tra l'altro io mi impressiono piuttosto facilmente e temo sempre il peggio).
Fino ad ora non ho fatto nessun controllo approfondito, sperando in un naturale decorso.
Ma ho un pò paura e vorrei sapere cosa fare e che tipo di analisi dover intraprendere (radiografia? risonanza?).
Risposta del 26 gennaio 2009

Risposta di GIUSEPPE INTERNULLO


Potrebbe aver solo contuso il nervo ulnare al gomito e darle formicolio al 4° e 5° dito. Consulti chirurgo della mano

Dott. Giuseppe Internullo
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Ortopedia e traumatologia
CALTAGIRONE (CT)



Il profilo di GIUSEPPE INTERNULLO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Scheletro e Articolazioni



Potrebbe interessarti
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Scheletro e articolazioni
03 ottobre 2017
Notizie
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Scheletro e articolazioni
25 settembre 2017
Notizie
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Scheletro e articolazioni
12 settembre 2017
Notizie
Troppa Tv mette a rischio la mobilità