08/07/08  - Forte dolore alla testa nella parte posteriore destra - Mente e cervello

08 luglio 2008

Forte dolore alla testa nella parte posteriore destra





Domanda del 08 luglio 2008

Domanda: Forte dolore alla testa nella parte posteriore destra


Domanda di Mente e cervello, inviata in data 08 luglio 2008.

Salve dottore premetto che ho questo dolore che persiste da quasi 2 mesi e inizialmente sembrava un problema di cervicale..ho fatto manipolazioni e sedute di fisioterapiama non ho avuto nessun giovamento..il dolore passa solamente con l'assunzione di Aspirina (per qualche ora intendo) per poi tornare sempre fisso li come un forte bruciore. Sono andata da un neurologo e mi ha prescritto una RM al rachide cervicale e all'encefalo. Le lascio il referto della R.m. può gentilmente aiutarmi? R.m. cranio Esame effettuato con scansioni sagittali in Echo di Gradiente, con scansioni coronali ed assiali in Fast Spin- Echo T2 e con scansioni assiali FLAIR. Non sono rilevabili lesioni parenchimali focali sia in sede sovratentoriale che in fossa cranica posteriore. Si segnalano alcune piccolissime alterazioni di segnale puntiformi a livello della giunzione cortico-sottocorticale biemisferisca in prossimità della convessità, con caratteristiche del tutto aspecifiche. Le cavità ventricolo- cisternali hanno volume e morfologia regolari. Normale lo spessore del corpo calloso. Il segnale R.m. dei grossi tronchi arteriosi della base cranica ne mette in evidenza una morfologia del tutto regolare. Sinusite mascellare sinistra. R.M. RACHIDE CERVICALE Il rachide cervicale è stato valutato utilizzando le tecniche Spin - Echo e Fast con rilevamento del segnale T1 e T2. Sono state eseguite scansioni coronali, sagittali (che esplorano anche la cerniera cranio-vertebrale ed il segmento dorsale superiore) e assiali. Congenitamente normali i diametri sagittali del canale e del sacco durale. Regolare la morfologia del midollo e degli spazi subaracnoidei perimidollari. Non sono apprezzabili immagini riferibili ad ernie o protusioni discali posteriori. Nessuna alterazione a livello cervicale, alle formazioni anatomiche della cerniera cranio-vertebrale ed encefalo-midollare ed ai primi metameri di rachide e midollo dorsali. Ringrazio anticipatamente per la risposta. Saluti.
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Telelavoro: pregi e difetti
Mente e cervello
15 novembre 2017
News
Telelavoro: pregi e difetti
A passo di danza si invecchia meglio
Mente e cervello
09 novembre 2017
News
A passo di danza si invecchia meglio