09/04/15  - Gastrite atrofica autoimmune - Stomaco e intestino

09 aprile 2015

Gastrite atrofica autoimmune




Domanda del 09 aprile 2015

Domanda


A seguito di Anemia microcitica ho fatto una gastrscoppia che ha evidenziato polipi gastrici
La biopsia ha dato come esito atrofIa severain quadro di gasttriste autoimmune.
In seguito mi hanno asportato i polpi che biopsiati si sono rivelati polipi iperplastici infiammatori
Nel frattempo ho fatto l analisi della gastrina che in un primo tempo tempo era 800 e dopo l intervento di polipectomia (dopo 15 gg) é risultata 3400
Sono preoccupata per questo valore così alto anche se il mio medico dice che in una gcaa può succedere
Anche il valore del tsh é salito a12 mentre il ft3 e ftp4 nell
anorma anticorpi anti cellule parietali presenti
Secondo lei questi valori possono rientrare? o sono destinata ad avere uncarcinoide?
Risposta del 13 aprile 2015

Risposta di ALBERTO TITTOBELLO


Ha ragione il suo medico: l'aumento della gastrina è dovuto alla Gastrite autoimmune, che, ovviamente va curata. Ma non ha nulla a che fare con il carcinoide.


Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Il profilo di ALBERTO TITTOBELLO
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Stomaco e intestino



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Patologie



Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Mal di viaggio: sintomi e rimedi
Stomaco e intestino
03 luglio 2018
Notizie e aggiornamenti
Mal di viaggio: sintomi e rimedi
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Stomaco e intestino
19 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Stomaco e intestino
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici