09/11/04  - Ginocchia - Scheletro e Articolazioni

09 novembre 2004

Ginocchia





Domanda del 09 novembre 2004

Domanda: Ginocchia


Domanda di Scheletro e Articolazioni, inviata in data 09 novembre 2004.

Buonasera, vorrei sottoporre il mio problema. Ho 25 anni, altezza 1.73, peso nella norma. Da un anno accuso dei dolori forti, a volte fortissimi ad entrambe le ginocchia, dopo essermi ristabilita da una lombosciatalgia piuttosto acuta. Ho cominciato ad avere bruciore al dx, poi al sx, fino ad avere dolori ad entrambi le ginocchia. Ho difficoltà nel camminare, come se il movimento non fosse fluido, ma a scatti, oltre ad avvertire quello scricchiolio fastidioso. Ho difficoltà nel piegarmi, quando mi piego e poi mi rialzo, quando stendo troppo le ginocchia, quando sto seduta e quando sto in piedi. Delle volte, soprattutto se sto poco a riposo, i dolori sono continui e forti anche di notte e a riposo. Mentre, se sto per un po' di giorni a letto o comunque con un ritmo più calmo (di solito il fine settimana), i dolori diminuiscono. Ho fastidio e in alcuni periodo dolori, se li tocco, li sfioro, anche solo al contatto con i pantaloni o lenzuola (per ex non riesco a dormire a pancia in giù). Non sono dolori che mi impediscono o bloccano del tutto i movimenti, ma li condizionano, quando sono più forti da zoppicare. Ho fatto 5 infiltrazioni ad entrambe le ginocchia, ma già mentre le facevo, i dolori aumentavano. Ho fatto i raggi: riduzione spazio vertebra L5-S1, scoliosi leggera ad "S", iperspressione ginocchia. I° ortopedico: Lombalgia femore-rotulea bilaterale, lombalgia meccanica. Rialzo 1 cm, infiltrazioni, fisioterapia solo per la zona lombare (TENS, massoterapia). Nessun risultato, dolori sempre più frequenti e forti, anche alla schiena (come una contrattura muscolare, e alla zona lombare). II° ortopedico: Sindrome femore-rotulea, discopatia L5-S1. Ginocchiera scarico rotuleo (FGP400), ricostituente cartilagine (Dona bust) per 3 mesi, antinfiammatorio al bisogno, corsetto zona lombare (TLM500), fisioterapia per ginocchia (e.stimolazione quadricipide, ionoforesi, isometria). Aggiungendo e segnando sui raggi, uno strabismo rotuleo, più accentuato a destra, che mi porterebbe ad avere questa condropatia. Devo premettere che per circostanze, non ho ancora iniziata quest’ultima fisioterapia. Nel frattempo ho avuto dolori più forti e frequenti, sempre però (almeno da ciò che ho potuto notare) "legati" a quanto più sto in piedi, mi muovo etc. Questa estate, ho rincontrato per lavoro il 1° ortopedico, proprio in uno dei periodi in cui avevo più malessere, avevo dolori anche alla zona subito prima e dopo delle ginocchia (femore?), oltre che i soliti fastidi e limiti, più accentuati. Mi ha riconfermato la diagnosi, aggiungendo anche lui, dello strabismo rotuleo, facendomi vedere come dovrebbe essere posizionata effettivamente la rotula. Diagnosi: condropatia femore-rotulea, più accentuata a destra. Mi dice, però, che le ginocchiere sono inutile, forse sarebbero più opportuni dei plantari, una programma di fisioterapia idoneo. Tutto da vedere dopo una risonanza prescrittami. La settimana scorsa ho fatto la risonanza: a destra esiste condropatia rotulea di basso grado, a sinistra iperplasia delle sedimentazioni sinoviali nel contesto del corpo adiposo di Hoffa. Che devo fare??? e come mai, se c'è uno strabismo rotuleo, il referto della risonanza non lo riporta. Devo andare dall'ortopedico, ma non so di chi fidarmi e cosa fare. Sicuramente non è un caso grave, ma so anche che non sto bene, ed il fatto che mi condiziona i vari movimenti e giornate e a volte notti, avendo solo 25 anni, non è bello, nè a lungo andare molto sopportabile. Vorrei solo capire come stanno effettivamente le cose. Ho fatto varie attività motorie, sport fino a quasi 6 anni fa, fin da piccola, ora lavoro al pc, e faccio la cyclette. Spero che mi rispondiate. Vi ringrazio in anticipo. Saluti. R
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Scheletro e Articolazioni



Potrebbe interessarti
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Scheletro e articolazioni
03 ottobre 2017
News
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Scheletro e articolazioni
25 settembre 2017
Interviste
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Scheletro e articolazioni
12 settembre 2017
News
Troppa Tv mette a rischio la mobilità