09/09/04  - Ginocchio - Scheletro e Articolazioni

09 settembre 2004

Ginocchio





Domanda del 09 settembre 2004

Domanda: Ginocchio


Domanda di Scheletro e Articolazioni, inviata in data 09 settembre 2004.

Gentile dottore, ho 30 anni, circa 12 anni fa ho subito un primo trauma al ginocchio dx ed il secondo circa quattro anni fa (distorsione con edema che fortunatamente si è riassorbito da solo), sia la prima volta che la seconda volta non ho effettuato radiografie (o meglio il medico di base di allora non ha ritenuto opportuno farle!!!). Il ginocchio non è abbastanza stabile e di tanto in tanto si blocca. Da alcuni mesi lamento forti dolori al ginocchio per cui il medico mi ha fatto fare una radiografia con assiale di rotula a 30-60-90° dalla quale emerge solo una calcificazione del legamento alare; un ortopedico (mi ha detto che dalla rx emergeva rotula bipartita - anche se il referto non alludeva per niente a tale tipo di problema - secondo lui congenita) mi ha consigliato di assumere Vioxx cpr (1 al dì) per 15-20 giorni e bagni di sole, cura che ho fatto per più di 20 giorni senza molti giovamenti. Alla fine di agosto, considerato che i dolori persistevano il medico di famiglia mi ha fatto fare una RMN dalla quale è emerso quanto segue: esame eseguito con scansioni multiplanari SE, TME e SPIR dipendenti dal T1 e dal T2. Si documenta lussazione della rotula, già evidente nell'esame con ginocchio in completa estensione con cresta articolare rotulea che appare posizionata a livello dello spigolo esterno della troclea femorale; tale troclea risulta peraltro poco pronunciata. Sono assai evidenti i conseguenti segni di condropatia rotulea, caratterizzati da ispessimento della cartilagine che presenta profilo irregolare e disomogeneità struttrale. Per converso la cartilagine femorale risulta sottile ma integra. Non sono presenti segni di sofferenza dell'osso subcondrale nè a livello rotuleo nè a livello femorale. Si evidenzia altresì focale interruzione del retinacolo mediale in prossimità dell'inserzione rotulea. Si associa modesto versamento nel cavo articolare. Modesti segni di meniscosi sono evidenti nel corno posteriore del menisco mediale. Non sono apprezzabili alterazioni a carico del menisco laterale, dei legamenti crociati e dei collaterali. Si segnala circoscritta irregolarità del profilo corticale tibiale in prossimità dell'inserzione del ligamento crociato anteriore. Le chiedo in che stato è il mio ginocchio? Le alterazioni riscontrate nella RMN sono conseguenze dei traumi subiti? Quali potrebbero essere le soluzioni per evitare ulteriori degenerazioni e problemi futuri tenendo conto che, anche se non sono una sportiva, ho 30 anni? Dal referto della risonanza si può dire che ho una rotula bipartita? Certa di una Sua risposta, La ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti G.T
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Scheletro e Articolazioni



Potrebbe interessarti
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Scheletro e articolazioni
03 ottobre 2017
News
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Scheletro e articolazioni
25 settembre 2017
Interviste
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Scheletro e articolazioni
12 settembre 2017
News
Troppa Tv mette a rischio la mobilità