23/08/04  - Gonartrosi bilaterale - Scheletro e Articolazioni

23 agosto 2004

Gonartrosi bilaterale





Domanda del 23 agosto 2004

Domanda: Gonartrosi bilaterale


Domanda di Scheletro e Articolazioni, inviata in data 23 agosto 2004.

Gentile Dottore,
sono una donna di 47 anni affetta da Artrosi diffusa e da gravi problemi alle articolazioni delle ginocchia. L'esame RMN ha dato i seguenti risultati: DX: minima falda fluida nello spazio retro-patellare; marcata iperpressione rotulea esterna con associati segni di Artrosi femoro-rotulea deformante e disomogenieità subcondrale sul versante anteriore del condilo femorale esterno per presenza di areola scodelliforme ipointensa in T1 ed in T2 da segni di sofferenza osteo-cartilaginea di grado severo; segni di meniscosi a carico del corno posteriore e del menisco mediale. SX: minima falda fluida in sede retro-patellare con associata minima reazione sinoviale anteriormente al LCA; marcata iperpressione rotulea esterna con associato assottigliamento e disomogeneità della cosrrispondente cartilagine articolare ed assottiliamento dei legamenti alare mediale; concomita allo stesso livello apposizione osteofitosica reattiva sul versante laterale del condilo femorale esterno; breve segnale intrameniscale nel corno intrameniscale nel corno posteriore del menisco mediale. In entrambe le ginocchia non significativa alterazioni della morfologia e dell'intensità di segnale a carico del menisco esterno, dei legamenti crociati e dei collaterali.
Non ho mai svolto attività sportiva nè ho avuto traumi, tranne due distorsioni al ginocchio sinistro, il mio lavoro è prevalentemente sedentario ma cammino molto: oggi anche questo è diventato quasi impossibile. Il mio medico curante ritiene tale patologia altamente invalidante, e con scarse possibilità di soluzioni (tipo protesi) data la relativamente giovane età. Vorrei sapere se esiste un centro specializzato convenzionato, in Sicilia o altrove, e, in attesa, quali comportamenti e/o terapie
adottare.
Grazie per la cortese disponibilità
Angela
Messina

Risposta del 01 settembre 2004

Risposta di EZIO ETTORE ATTILIO CISSELLO


Gentile Signora,
dal referto dell'esame RMN si evidenzia un' Artrosi della porzione latreale dell'articolazione femoro rotulea. Questo dato dovrebbe però essere confortato da una visita che mettesse in evidenza dolore in tale sede e sintomi soggettivi caratteristici della patologia, ad esempio , il dolore anteriore alle ginocchia alzandosi da seduta , dopo posizione seduta prolungata a ginocchia flesse, scendendo le scale ecc.
Se così fosse potrebbe esserci l'indicazione ad un intervento chirurgico di riallineamento della rotula , "scaricando" dalla pressione l'articolazione femoro rotulea esterna ( è un intervento che si può fare in artroscopia , in toto o parzialmente) , eventualmente spostando l'attacco del tendine rotuleo a livello della tibia .
Essendo di Asti ( Piemonte) non conosco colleghi specialisti in Sicilia .

cordialmente

Dott. Ezio Ettore Attilio Cissello
Medico Ospedaliero



Il profilo di EZIO ETTORE ATTILIO CISSELLO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Scheletro e Articolazioni



Potrebbe interessarti
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Scheletro e articolazioni
03 ottobre 2017
News
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Scheletro e articolazioni
25 settembre 2017
Interviste
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Scheletro e articolazioni
12 settembre 2017
News
Troppa Tv mette a rischio la mobilità