05/06/08  - Guarigione dalla mononucleosi - Malattie infettive

05 giugno 2008

Guarigione dalla mononucleosi




Domanda del 05 giugno 2008

Domanda


mio figlio ,26 anni,ha contratto il virus,ha ghiandole gonfie al collo ,nuca ,milza gonfia e fegato,stanchezza e febbre,sta' preparando la tesi che dovrebbe tenere a luglio.vorrebbe andare all'universita' .secondo lei in questa fase puo' uscire per andare solo all'universita'?grazie
Risposta del 07 giugno 2008

Risposta di VINCENZO MARTUCCI


Nessuno può assumersi la responsabilità di darLe una risposta senza assicurarsi una constatazione diretta delle condizioni del paziente. Una delle complicanze della Mononucleosi (che può derivare, appunto, dal mancato rispetto della raccomandazione di osservare un adeguato riposo) potrebbe essere, addirittura, anche la rottura della milza che può avere anche esito fatale! Dunque può ben comprendere che solo il Suo medico di base, previa visita ed accertamento delle reali condizioni cliniche del paziente e dell'entità dei "volumi" degli organi ingranditi potrà sbilanciarsi con l'autorizzare suo figlio a uscire per andare all'università...ma poi è proprio sicuro Suo figlio che qualche giorno in più a casa non torni, tutto sommato, utile per mettere a punto meglio la sua tesi? Saluti

Dott. Vincenzo Martucci
Medico Ospedaliero
Specialista in Ematologia
UDINE (UD)



Il profilo di VINCENZO MARTUCCI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Malattie infettive



Potrebbe interessarti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Malattie infettive
01 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Combattere l’influenza con la dieta
Malattie infettive
24 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Combattere l’influenza con la dieta
L’influenza è alle porte, ma c’è ancora tempo per ricorrere al vaccino
Malattie infettive
18 dicembre 2017
Notizie e aggiornamenti
L’influenza è alle porte, ma c’è ancora tempo per ricorrere al vaccino