18/11/04  - Infezione alle vie urinarie - Sessualità

18 novembre 2004

Infezione alle vie urinarie




Domanda del 18 novembre 2004

Domanda


Salve, da circa tre settimane ho una fuoriuscita di liquido giallastro dalle vie urinarie; ho fatto la spermocultura ma è risultata negativa...allora come si spiega questo problema e come posso risolverlo? La informo che da un giorno prendo delle pillole prescritte dal mio medico curante (bactrim 160 mg) per infezioni genito-urinarie. In attesa di una risposta le invio i miei più cordiali saluti.
Risposta del 21 novembre 2004

Risposta di GIOVANNI BERETTA


Alcune volte una spermiocoltura non risulta positiva , a dispetto del quadro clinico, perchè esistono nel liquido seminale alcuni fattori batteriostatici (spermina, ecc) che non fanno crescere, in coltura, i microorgamismi che sono la causa dell'infezione. A volte è più utile fare una valutazione colturale e batterioscopica direttamente sul secreto uretrale o da un tampone sempre uretrale. Ora termini il ciclo di antibioticoterapia in corso e , dopo circa 15 giorni dalla fine della terapia, esegua un 'altra valutazione colturale (sul secreto uretrale) con eventuale antibiogramma. Con questa consulti il suo medico curante che saprà impostare senza problemi le successive fasi terapeutiche che lei dovrà seguire.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
FIRENZE (FI)




Il profilo di GIOVANNI BERETTA
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Sessualità



Potrebbe interessarti
Amore al capolinea
Sessualità
26 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Amore al capolinea
Millennial e baby boomer: stesso atteggiamento verso la contraccezione
Sessualità
16 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Millennial e baby boomer: stesso atteggiamento verso la contraccezione
Violenza sulle donne: non riconosciuta dagli operatori in pronto soccorso
Sessualità
04 dicembre 2017
Notizie e aggiornamenti
Violenza sulle donne: non riconosciuta dagli operatori in pronto soccorso