01/06/08  - Instabilità e vertigini - Mente e cervello

01 giugno 2008

Instabilità e vertigini




Domanda del 01 giugno 2008

Domanda


Salve, da circa quindici giorni soffro di leggera instabilità nella deambulazione e avverto un leggero dondolio rimanendo fermo eretto in piedi. Visita neurologica e ottorinolaringoiatrica hanno dato esito negativo (in seguito a brevi test vestibolari), suggerendomi che si tratta di instabilità soggettiva causata da una situazione di forte ansia. Negli ultimi cinque giorni si sono aggiunti sintomi molto preoccupanti. Ho avuto alcuni episodi di forti vertigini e nausea (oggetti che ruotano attorno a me), in seguito a flessioni del collo. Inoltre, il sintomo più marcato, si presenta quando sono coricato: non posso cambiare posizione a letto (girando testa e corpo) senza che questo mi provochi forti giramenti e la mattina mi sveglio con instabilità e leggera nausea. Sto perdendo peso (circa 3 Kg) negli ultimi 40 giorni, soffro di problemi di concentrazione, amnesie, e leggera insonnia (sono sintomi che ho messo alla fine perchè mi rendo conto molto vaghi). Ho una RM al cranio di tre mesi fa negativa, effettuata per un acufene vibratile all'orecchio dx (quando tutti questi sintomi non erano presenti). Farò a giorni un elettroencefalogramma ed analisi del sangue oltre ad una visita fisiatrica (il medico generico ha suggerito che potrebbe trattarsi di un'infiammazione dei cervicali); volevo sapere la vostra opinione riguardo e come comportarmi. La situazione ora è piuttosto grave col senso di nausea che non mi abbandona. Vi ringrazio anticipatamente.
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Energia Mentale
Mente e cervello
27 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Energia Mentale
Terza età. Peggiora la qualità del sonno
Mente e cervello
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Terza età. Peggiora la qualità del sonno