21/11/04  - Ipocondria - Mente e cervello

21 novembre 2004

Ipocondria





Domanda del 21 novembre 2004

Domanda: Ipocondria


Domanda di Mente e cervello, inviata in data 21 novembre 2004.

salve ho 28 anni sono mamma di 2 splendidi bimbi e apparentemente non ho alcun tipo di problema, tranne essere un soggetto ipocondriaco. Da qualche mese infatti soffro di questo male che mi sta distruggendo,in pratica dopo una serie di problemi di salute :calcoli alla colicisti,discopatia,trocanterite che sto curando con scarsi risultati,la mia mente non fa altro che pensare a cose terribili( malattie sofferenze e morte).Inizialmente le persone a me care mi sono state vicine ma adesso mi ridicolizzano e io soffro ancora di più. Ogni sera saluto i miei figli come se fosse l'ultimo giorno trascorso insieme, cerco di distrarmi, mi do sempre da fare ma la mia mente è sempre presa da un unico pensiero....sono angosciata e non vedo via d'uscita. sono sempre stata piena di vita e aspirazioni e adesso non mi riconosco più. Credo di essere una buona mamma e moglie e questo peggiora ancor più la situazione,come farebbero i mie figli senza di me? grazie
Risposta del 24 novembre 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Lei non è ipocondriaca, lei sta male, ha dolori e non ce la fa a tenere la famiglia sulle spalle come se niente fudesse. Ha bisogno di uno stacco, di curarsi e non avere male da nessuna parte.
Se lo desidera, ci riscriva e di descriva in dettaglio la situazione riguardo i malanni fisici e cosa sta esattamente succedendo. Speriamo di poterla indirizzare al meglio.
Saluti.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Telelavoro: pregi e difetti
Mente e cervello
15 novembre 2017
News
Telelavoro: pregi e difetti
A passo di danza si invecchia meglio
Mente e cervello
09 novembre 2017
News
A passo di danza si invecchia meglio