13/09/02  - Ipocontinenza cardiale - Stomaco e intestino

13 settembre 2002

Ipocontinenza cardiale




Domanda del 13 settembre 2002

Domanda


A mia moglie a seguito di gastroscopia è stata formulata la seguente diagnosi: IPOCONTINENZA CARDIALE CON EROSIONE ISOLATA DELL'ANTRO. Può per cortesia spiegarmi il tipo di malattia e se esiste un rimedio dato che il medico curante gli ha dato una cura per un mese e ha riferito che tale problema sarà presente per tutta la vità
Risposta del 21 settembre 2002

Risposta di ANTONIO MARRAFFA


Il suo medico ha ragione,in quanto l'ipocontinenza cardiale è dovuta ad un malfunzionamento della componente muscolare che ha il compito di chiudere lo stomaco separandolo dall'esofago specie nella fase di digestione.Nella fase digestiva,infatti, dovrebbe aumentare la pressione della camera gastrica;nel caso di sua moglie ciò non avviene se non parzialmente.I rimedi farmacologici consistono nell'assunzione di procinetici ed inibitori di pompa protonica a cicli più o meno lunghi durante l'anno.Se la sintomatologia dovesse essere sempre presente la terapia va comunque effettuata a tempo indeterminato.Solo i controlli, da oggi a qualche anno ,stabiliranno se l' Incontinenza necessiterà di eventuale correzione chirurgica.

Dott. ANTONIO MARRAFFA
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata



Il profilo di ANTONIO MARRAFFA
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Stomaco e intestino



Potrebbe interessarti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Stomaco e intestino
19 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Stomaco e intestino
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio
Stomaco e intestino
20 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio