26/05/08  - La morte della madre - Mente e cervello

26 maggio 2008

La morte della madre





Domanda del 26 maggio 2008

Domanda: La morte della madre


Domanda di Mente e cervello, inviata in data 26 maggio 2008.

buongiorno, mi chiamo Daniella e sto con un'uomo da un anno ci amiamo davvero ed abbiamo intenzione di seguire un percorso individuale ma unito per risolvere i problemi nel nostro inconscio,per poter stare meglio insieme come coppia. il mio problema non è grave come il suo..Lui ha 38 anni e all'età di 10 anni è morta sua madre, lui l'ha trovata.. ora il suo problema è che ha completamente rimosso la sua immagine dalla mente, non la ricorda, ha solo ricordi fotografici. Lui ha paura di amarmi completamente perchè ha paura di perdermi e di soffrire. Tutte le decisioni che prende mettono la sua non sofferenza in primo piano, così facendo fa però fa soffrire me. il suo percorso è lungo e difficile ma ha deciso di intraprenderlo perchè mi ama e crede in noi e sa che comunque dovrà soffrire per trovare la felicità che merita. Ora la mia domanda è: come faccio a trovare un buon psicologo specializzato in questi problemi? Abitiamo nella provincia di treviso Grazie mille in anticipo Daniella
Risposta del 29 maggio 2008

Risposta di MAURO MILARDI


Mi sembra più opportuno per quanto scritto che il percorso psicoterapeutico debba essere individuale e non di coppia. Per trovare uno psicoterapeuta può consultare il sito dell'AIAMC.

Dott. Mauro Milardi
Specialista attività privata
Specialista in Anestesia e rianimazione
Specialista in Igiene e medicina preventiva
Specialista in Psicologia
ANCONA (AN)



Il profilo di MAURO MILARDI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Nella depressione post-partum contano anche le stagioni
Mente e cervello
23 novembre 2017
News
Nella depressione post-partum contano anche le stagioni
Telelavoro: pregi e difetti
Mente e cervello
15 novembre 2017
News
Telelavoro: pregi e difetti