04/05/15  - Linfonodi gonfi - Malattie infettive

04 maggio 2015

Linfonodi gonfi




Domanda del 04 maggio 2015

Domanda


Salve! Sono una ragazza di 20 anni e da circa due mesi riscontro un problema ai linfonodi della gola. Premetto che ho avuto un trascorso da bulimica ormai superato ed e'da un paio di mesi che non vomito piu ', nonostante questo ho da subito notato un gonfiore del viso ed ho collegato cio'alla Bulimia e a delle possibili ghiandole che si erano gonfiate. Sono stata dal medico, ho fatto un ecografia e avevo tiroide apposto, anche le parotidi nella norma, ha solo riscontrato dei linfonodi reattivi flogistici pero'lui mi disse che non c'era da preoccuparsi. Ho fatto un periodo di antibiotico durato 5giorni mattina e sera e dopo questo ciclo sembrava tutto risolto. Qualche giorno fa pero, per aver mangiato piu del solito a causa delle festivita ', ho avuto disturbi intestinali, forti crampi e anche dissenterite ed e'coinciso questo poblema di stomaco con un ritorno del gonfiore dei linfonodi nel lato sinistro del collo che si gonfiano e si sgonfiano. Adesso io mi chiedo: e'possibile che un infiammazione a livello dello stomaco possa gonfiare nuovamente i linfonodi? Oppure e'solo una coincidenza e a distanza di due settimane dall'antibiotico sono ritornati gonfi per qualche problema cronico? Vi ringrazio in anticipo per le possibili risposte
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Malattie infettive



Potrebbe interessarti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Malattie infettive
01 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Combattere l’influenza con la dieta
Malattie infettive
24 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Combattere l’influenza con la dieta
L’influenza è alle porte, ma c’è ancora tempo per ricorrere al vaccino
Malattie infettive
18 dicembre 2017
Notizie e aggiornamenti
L’influenza è alle porte, ma c’è ancora tempo per ricorrere al vaccino