04/07/08  - Linfonodi ingrossati - Malattie infettive

04 luglio 2008

Linfonodi ingrossati





Domanda del 04 luglio 2008

Domanda: Linfonodi ingrossati


Domanda di Malattie infettive, inviata in data 04 luglio 2008.

Gentili dottori, sono una ragazza molto preoccupata per un problema che persiste da circa 2 mesi.Tutto iniziato con un rigonfiamento dei linfonodi in zona laterocervicale, retroauricolare e sottomandibolare.In tutto i linfonodi sono sette, non sono mobili, sono duri e indolori.Dopo circa 10 g dal rigonfiamento,mi sono comparsi dei puntini su tutto il corpo e dal momento ke sono stata a contatto con dei ragazzi che hanno avuto la rosolia, mi sono recata dal medico.Ho fatto diverse analisi: Citomegalovirus:negativo Mononucleosi:negativo toxoplasmosi negativo rosolia:i valori erano 9, considerando 10/20 necessario per essere positivo, quindi risultava alterato, ma negativo ldh 171 su 200/270 di riferimento globuli bianchi nella norma globuli rossi leggermente inferiori alla norma piastrine nella norma Dopo queste analisi ritorno dal medico e mi dice che ho avuto la sesta malattia e che quindi il rigonfiamento dei linfonodi è una normale conseguenza.Ho assunto degli antibiotici per 5 giorni e delle medicine per fare regredire i linfonodi, ma sono 2 mesi e i linfonodi sono sempre uguali e della stessa consistenza.Mi chiedo possibile che siano una conseguenza della sesta malattia e continuino a persistere nonostante le cure?Potrebbero essere sisntomi di un linfoma?che consistenza devono avere i linfonodi per essere indicativi di malattie neoplastiche?un ultimo quesito.In famiglia tutti i miei familiari sono affetti da tiroide di aschimoto.Ultimamente mi si è gonfiato il lato desto del collo in corrispondenza del linfonodo più grande(circa 1cm).Esiste un'eventuale correlazione tra le due cose?chiedo un vostro parere. Grazie anticipatamente
Risposta del 06 luglio 2008

Risposta di GIOVANNI SPORTELLI


Non si deve demoralizzare, ma piuttosto deve tornare a farsi vedere dal medico curante, che sicuramente si prendera' carico dei suoi problemi e, se lo riterra' necessario, le prescrivera' altri esami e/o altre cure. Sicuramente non c'e' nessuna relazione con la Tiroidite di Hashimoto.


saluti
giosp@giosp.it
http://www.giosp.it


Dott. Giovanni Sportelli
Specialista attività privata
Specialista in Dermatologia e venereologia
GROTTAGLIE (TA)



Il profilo di GIOVANNI SPORTELLI
Risposta del 08 luglio 2008

Risposta di ALESSANDRO ROMANO


intanto con una rx panoramica digitale di qualità e con approfondimento su quel lato, dirimerei il dubbio che possa trattarsi di una qualche patologia mandibolare e/o perimandibolare. E' inutile fare indagini di laboratorio a cascata senza prima una buona indagine clinica. auguri

Dott. alessandro romano
Specialista attività privata
Ricercatore
Odontoiatra
Specialista in Chirurgia maxillo facciale
Specialista in Odontoiatria
ROMA (RM)



Il profilo di ALESSANDRO ROMANO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Malattie infettive



Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti