20/09/04  - Malattie MST e tumore alle ovaie - Salute femminile

20 settembre 2004

Malattie MST e tumore alle ovaie




Domanda del 20 settembre 2004

Domanda


Egr. Dr. Gent.li Dott.sse, sono una donna di 38 anni, ho letto su alcuni siti medici e di prevenzione che riguardo le malattie a trasmissione sessuale MST l’arma più efficace sia la prevenzione, vale a dire un uso corretto del profilattico. Ma a volte mi chiedo cosa si intenda esattamente con USO CORRETTO DEL PROFILATTICO? Qual è in sostanza la procedura che si definisce corretta, ossia come va usato? Si dice anche che sarebbe utile anche effettuare dei check-up periodici per le MST soprattutto quando si cambia partner. Ecco questo è il punto più importante che vorrei chiarire, ho cambiato partner e vorrei fare questi check up specifici per le MST in questione, mi può dire con dettaglio e chiarezza quali sono tutti questi esami che devo fare, in quale modo devono essere effettuati e con quale cadenza periodica annuale si devono ripetere di regola anche restando sempre con lo stesso partner? Una simile prevenzione e controllo mi proteggono al 100%? Vorrei chiarire ancora un ulteriore mio dubbio. L’ultimo partner che ho avuto mi ha raccontato che alla sua precedente compagna, con cui aveva avuto rapporti sessuali, le era stato diagnosticato un tumore alle ovaie, ora mi chiedo se abbia potuto trasmettergli tale malattia attraverso il rapporto sessuale o se abbia potuto trasmettergli qualcos’altro e di conseguenza, avendo avuto io rapporti sessuali con lui, sia da considerarmi a rischio allora in questo caso sarei a rischio per cosa? o se invece non debba affatto preoccuparmi perché credo che tumori alle ovaie, al seno od organi genitali non sono affatto trasmettibili sessualmente. Attendo con ansia una sua risposta, Vi saluto cordialmente. Una lettrice
La domanda è in attesa di risposta.
Per rispondere alla domanda clicca qui

Sei un medico? Clicca qui e scopri come aderire al servizio.


Domande e risposte di Salute femminile



Potrebbe interessarti