30/07/04  - Mastoplastica riduttiva al seno - Chirurgia estetica

30 luglio 2004

Mastoplastica riduttiva al seno





Domanda del 30 luglio 2004

Domanda: Mastoplastica riduttiva al seno


Domanda di Chirurgia estetica, inviata in data 30 luglio 2004.

Buongiorno,volevo sapere delle informazioni riguardo all'intervento in oggetto:visite preliminari,svolgimento e durata intervento,accorgimenti e rischi,risultati o recidive e se è a tutt'oggi un intervento sicuro.
Risposta del 02 settembre 2004

Risposta di LUCA CARLO VITTORIO ROVATI


L'intervento di mastoplastica riduttiva è un operazione che di norma viene eseguito in anestesia generale e con un ricovero di uno o due giorni. Lo scopo di questo trattamento chirurgico è di ridurre e riposizionare la ghiandola mammaria, normalmente i risultati sono buoni e stabili ma non privi di cicatrici che generalmente sono attorno all'areola mammaria e a T invertita lungo la mammella e il solco sottomammario. Fondamentale è una accurata anamnesi personale e una visita presso un medico specialista che saprà indicarle le eventuali controindicazione e complicanze relative al suo caso

Dott. Luca Carlo Vittorio Rovati
Specialista attività privata



Il profilo di LUCA CARLO VITTORIO ROVATI
Risposta del 04 settembre 2004

Risposta di TOMMASO SAVOIA


La mastoplastica riduttiva è un'intervento di circa 2-3 h di durata in anestesia generale. Come ogni intervento ha i suoi rischi, ma visto il numero di persone che continuamente vi si sottopone, sono decisamente calcolati.
Ci sono diverse tecniche per ridurre il seno con cicatrici più o meno importanti (cicatrice verticale o "ad ancora").
Nella visita preliminare, oltre ai classici esami preoperatori, è necessario effettuare una mammografia o un'acografia mammaria se la paziente è giovane. Non bisogna dimenticare mai la prevenzione oncologica.
é un intervento sicuro che dà risultati stabili e che le donne devono fare per se stesse e non per soddisfare richieste del compagno.
spero di essere stato esaustivo
saluti

Dott. Tommaso Vito Savoia
Specialista convenzionato
Specialista attività privata




Il profilo di TOMMASO SAVOIA
Risposta del 08 settembre 2004

Risposta di MASSIMO ROMITO


Con la visita preliminare il Ch. Plastico le fornirà tutte le delucidazioni in merito al tipo di tecnica chirurgica che varia da caso a caso per ottenere la morfologia mammaria migliore con le minori cicatrici possibili. Queste quasi inevitabilmente saranno periareolari, e dall'areola al solco sottomammario, nei casi più importanti si estenderanno a T invertita lungo il solco sottomammario. La durata dell'intervento in media è di circa 3-4 ore, in anestesia generale. L'intervento, svolte tutte le indagini preliminari, è sicuro, può negli anni ripresentare una ptosi (lassità) delle mammelle ma difficilmente una nuova ipertrofia.

Dott. Massimo Romito
Specialista attività privata



Il profilo di MASSIMO ROMITO
Risposta del 25 marzo 2005

Risposta di FRANCESCA UGHI


2 o 3 visite pre, tecnica della Lejour, solo cicatrice verticale. Durata intervento 3/4 ore; per quanto riguarda gli accorgimenti ci sono più pagine da leggere, rischi: il paziente deve accettare che invece di avere un seno grosso, avrà sempre una cicatrice di 7 cm max che và da sotto l'areola al solco mammario

Dott.ssa Francesca Ughi
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia plastica ricostruttiva



Il profilo di FRANCESCA UGHI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Chirurgia estetica



Potrebbe interessarti
Cosmetici: meglio quelli “chemical free”
Chirurgia estetica
18 marzo 2016
News
Cosmetici: meglio quelli “chemical free”
L’autostima non è solo questione di rughe
Chirurgia estetica
05 novembre 2015
News
L’autostima non è solo questione di rughe
Botox: ben oltre le rughe
Chirurgia estetica
08 giugno 2015
Focus
Botox: ben oltre le rughe