21/12/10  - Meniscectomia ginocchio sx - Scheletro e Articolazioni

21 dicembre 2010

Meniscectomia ginocchio sx




Domanda del 21 dicembre 2010

Domanda


sono stata operata di meniscectomia selettiva in artroscopia al ginocchio sx il 4 di novembre. a tutt'oggi ho dolore molto intenso tanto da non poter fare nessun gradino ne' in salita ne' in discesa. Ieri ho fatto un'infiltrazione di cortisone e oggi sto meglio. E' giusto fare questa infiltrazione? ne dovrei fare delle altre? E' normale avere tanto dolore a un mese e mezzo dall'operazione? Grazie e saluti cordiali.
Risposta del 29 dicembre 2010

Risposta di MATTEO LIBROIA


Vista la sua età, non è detto che l'intervento fosse indicato, perchè magari il problema era la sofferenza della cartilagine e non la lesione meniscale, che dopo i 60 anni si ritrova nella stragrande maggioranza delle risonanze o tac del ginocchio, anche in soggetti asintomatici.
Detto questo, sarebbe utile chiarire tali dubbi con chi l'ha operata o rivolgersi ad un altro ortopedico per un secondo parere.
cordiali saluti


a href="/Matteo_Libroia?esp=303" Dott. Matteo Libroia /a
Casa di cura convenzionata
Medico Ospedaliero
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Ortopedia e traumatologia
Milano (MI)



Il profilo di MATTEO LIBROIA
Per rispondere alla domanda clicca qui

Sei un medico? Clicca qui e scopri come aderire al servizio.


Domande e risposte di Scheletro e Articolazioni



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Scheletro e articolazioni
03 ottobre 2017
Notizie
Attività fisica: le buone abitudini resistono negli anni
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Scheletro e articolazioni
25 settembre 2017
Notizie
Mal di schiena e dolore cervicale: come riconoscerli, gestirli ed evitarli
Troppa Tv mette a rischio la mobilità
Scheletro e articolazioni
12 settembre 2017
Notizie
Troppa Tv mette a rischio la mobilità