20/07/04  - Microcitemia - Malattie infettive

20 luglio 2004

Microcitemia





Domanda del 20 luglio 2004

Domanda: Microcitemia


Domanda di Malattie infettive, inviata in data 20 luglio 2004.

Da analisi è risultato che mio figlio di 10 anni ha una microcitemia. La pediatra ha detto che i globuli rossi di mio figlio hanno un diametro più piccolo rispetto agli altri e di conseguenza il suo organismo ne produce di più (globuli rossi 5.11 volume globulare medio 76.3).
La pediatra sostiene che è una cosa ereditaria e che o io o mio marito l'abbiamo.
Ha sostenuto che per Nicola non c'è alcun pericolo, l'unica problema potrebbe sorgere qualora da grande sposasse una donna con le stesse caratterestiche poichè al 50% i figli avrebbero invece gravi problemi.
Vorrei saperne un pò di più e se è vero che mio figlio non corre alcun pericolo. La ringrazio

Risposta del 23 luglio 2004

Risposta di DOMENICO FERDINANDO FILOMIA


Credo che con il termine "microcitemia" lei intenda lo stato di eterozigosi (portatore sano) della beta Talassemia e penso anche che siano stati eseguiti tutti gli esami del caso per porre questa diagnosi.... emocromo, ferritinemia, trasferrinemia, sideremia, reticolocitemia, resistenze osmotiche ma soprattutto l'elettroforesi dell'emoglobina. Se tutto ciò è stato fatto e la diagnosi è quella giusta allora concordo con il suo medico di fiducia altrimenti dovrà approfondire le indagini.

Dott. Domenico Ferdinando Filomia
Medico Ospedaliero




Il profilo di DOMENICO FERDINANDO FILOMIA
Risposta del 23 luglio 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Se le cose stanno come ha detto il collega, si tratta dell' Anemia mediterranea, diffusa in Italia -- e nel bacino del Mediterraneo -- da tempo immemore.
Faccia qualche ricerca su internet, è il metodo più semplice per avere informazioni leggibili e non complicate.
Se fate un'analisi chiamata elettroforesi dell'emoglobina, potete stabilire chi di voi due genitori ha trasmesso il carattere genetico.
Per parlare di malattia è necessario che il carattere genetico alterato sia doppio. Tale eventualità si manifesta con una probabilità del 25% se due portatori come suo figlio generano prole. Ma ci penserà a suo tempo.
Cordiali saluti.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Risposta del 28 luglio 2004

Risposta di MARIO DAMBROSIO


con "microcitemia" penso intenda lo stato di eterozigosi (portatore sano) della beta Talassemia : consiglio se non già eseguiti tutti gli esami del caso per porre questa diagnosi.... emocromo, ferritinemia, trasferrinemia, sideremia, reticolocitemia, resistenze osmotiche ma soprattutto l'elettroforesi dell'emoglobina.

Dott. Mario Dambrosio
Specialista attività privata



Il profilo di MARIO DAMBROSIO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Malattie infettive



Potrebbe interessarti