07/07/17  - Modifica per la prescrizione di un farmaco per terapia del dolore - Farmaci e cure

07 luglio 2017

Modifica per la prescrizione di un farmaco per terapia del dolore





Domanda del 07 luglio 2017

Domanda: Modifica per la prescrizione di un farmaco per terapia del dolore


Domanda di Farmaci e cure, inviata in data 07 luglio 2017.

Assumo Palexia 250 - 1cpr ogni 12 h - dopo aver provato ogni tipo di terapia per una protesi dolorosa al ginocchio sinistro. Poiché ogni altra cura non ha prodotto risultati, il terapista del dolore di un ospedale, mi ha prescritto il Palexia, partendo da un dosaggio basso e gradualmente arrivando a quello attuale. Ora il medico di base mi dice di non potermi prescrivere il farmaco, che sto per terminare, perché dovrei portare un nuovo certificato del terapista del dolore. Temo che i tempi di attesa superino il periodo di tempo per cui sono coperta dal farmaco. E' effettivamente così o in attesa di avere la visita al centro di terapia del dolore ospedaliera potrei avere una prescrizione del farmaco senza la dicitura TDL ma pagando il ticket? Perché con ricetta bianca dovrei pagare più di 90 € per una cura di 15 gg e non me lo posso permettere. Inoltre penso di non poter sospendere improvvisamente la terapia trattandosi di farmaco oppioide. Cosa posso chiedere al medico di base oltre alla richiesta per la visita presso il Centro Ospedaliero, per evitare di sospendere la cura non potendo pagare per acquistare il farmaco? Eventualmente mi potrebbe indicare la legge che prevede che debba rinnovare periodicamente il certificato che attesta che necessito di quel farmaco come cura antidolorifica? Grazie! Arianna PS: sto facendo una dieta per perdere peso e finora sono calata di 15 kg proprio per non gravare troppo col peso sulla protesi.
Risposta del 10 luglio 2017

Risposta di ALBERTO TITTOBELLO


Mi dispiace di non potere rispondere al suo quesito, perché non sono esperto in faccende burocratiche. Il medico di famiglia dovrebbe ( DEVE ) poter prescrivere qualunque farmaco, anche se alcuni burocrati del Ministero non sono d ' accordo. Mi sembra che già il ministro prof. Veronesi l ' avesse detto. Altrimenti, anche l' Ordine dei Medici che ci sta a fare?

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)

Il profilo di ALBERTO TITTOBELLO
Risposta del 10 luglio 2017

Risposta di LEONARDO DI ASCENZO


Il suo Medico di medicina generale potrà apporre alla richiesta di visita di terapia del dolore un'adeguata priorità, sempre che lo ritenga ncessario.
Cordialmente

Dott. Leonardo Di Ascenzo
Medico Ospedaliero
Specialista in Cardiologia
San Donà di Piave (VE)

Il profilo di LEONARDO DI ASCENZO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Farmaci e cure



Potrebbe interessarti
Il sesso non mette a rischio il cuore
Cuore circolazione e malattie del sangue
20 novembre 2017
News
Il sesso non mette a rischio il cuore