02/09/04  - Morte neonato da strangolamento per cordone ombelicale - Salute femminile

02 settembre 2004

Morte neonato da strangolamento per cordone ombelicale




Domanda del 02 settembre 2004

Domanda


E' possibile prevedere morte neonato per strangolamento del cordone ombelicale? Dall'ultima ecografia fatta all'ottavo mese di gravidanza, risultava soltanto un cordone ombelicale un po' largo e vicino al collo.Per espellere feto si è proceduto al taglio cesareo. Questo fatto può significare che le successive gravidanze non possono avvenire per via normale ma soltanto con altri interventi cesarei?Quanto tempo è necessario attendere prima di provocare una nuova gravidanza ? Grazie per la risposta e cordiali saluti. I dati che seguono riguarda la ragazza interessata.
Risposta del 07 settembre 2004

Risposta di MAURIZIO SIMONELLI


Non è possibile prevedere con l'ecografia che un nodo vero di funicolo possa determinare asfissia fetale: capita spesso che i bambini nascano con uno e più giri di funicolo intorno al collo oppure nodi veri senza alcun problema. Avere avuto un taglio cesareo alla prima gravidanza, non significa che la prossima debba necessariamente esitare con un altro taglio cesareo. Consiglierei comunque un attesa di almeno sei mesi.

Dott. Maurizio Simonelli
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
CAMAIORE (LU)



Il profilo di MAURIZIO SIMONELLI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Salute femminile



Potrebbe interessarti
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
Salute femminile
19 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
Festa della donna all’insegna della salute ginecologica
Salute femminile
06 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Festa della donna all’insegna della salute ginecologica
Automedicazione per i disturbi ‘in rosa’
Salute femminile
23 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Automedicazione per i disturbi ‘in rosa’