26/08/08  - Nodulo tiroideo (pseudocisti) in paziente eutiroidea - Malattie infettive

26 agosto 2008

Nodulo tiroideo (pseudocisti) in paziente eutiroidea




Domanda del 26 agosto 2008

Domanda


Egregio dottore,
un anno fa ho scoperto di avere un nodulo alla tiroide, con valori di TSH, FT3, FT4 e calcitonina nella norma. L’ecocolor doppler riportava quanto segue: volume normale, ecostruttura finemente disomogenea con normale segnale color doppler parenchimale. A destra in corrispondenza del terzo superiore medio ed inferiore sono presenti tre piccole formazioni cistiche di diametro variabile da mm 2 a mm 3. In corrispondenza del terzo inferiore del lobo sinistro è presente formazione liquida, ovalare, di mm 11, con gettone solido, di mm 4.5, adeso alla parete inferiore, riccamente vascolarizzato al power doppler.
Successivamente ho eseguito l’agoaspirato sul nodulo più grande. La diagnosi dell’esame citologico è stata: materiale ematico scarsamente colloideo inglobante numerosi e grossolani tralci stromali sui quali aderiscono pochi tireociti nella norma misti a essudato linfo-granulocitario.
A distanza di un anno, cioè lo scorso luglio, mi sono sottoposta ai seguenti controlli di cui si riportano gli esiti:
TSH = 1,40 (0,3 – 4,00 mcU/ml)
Free T4 = 14,1 (7,00 – 17,00 pg/ml)
Calcitonina = 6,00 (F fino a 11,00 pg/ml)
Ecotomografia tiroidea = tiroide nei limiti della norma, ad ecostruttura omogenea. A destra sono presenti alcune minute formazioni di tipo colloido-cistico del diametro massimo di circa 0,3 cm. A sinistra, al polo, inferiore, è presente una formazione ovalare in prevalenza liquida, con gettone solido, che ha un diametro maggiore complessivo di circa 1,6 cm. Trachea in asse.
Le mie domande sono:
- posso escludere la natura maligna del nodulo?
- cosa mi tocca fare? Aspirare la cisti? Ho sentito parlare di alcolizzazione dei noduli tiroidei….è efficace? E quando è consigliabile?
- l’assunzione di eutirox può fermare la crescita del nodulo? Sino ad ora nessuno me lo ha prescritto…..
- ci sono altri tipi di controlli a cui è preferibile che io mi sottoponga?
- quale potrebbe essere l’evoluzione di questo quadro? Dovrei col tempo asportare la tiroide?
- non avverto la presenza del nodulo tranne quando premo sul collo, ma che fastidi potrebbe darmi?
- una gravidanza potrebbe incidere negativamente sulle dimensioni e sulla natura del nodulo?
Ringrazio chiunque vorrà rispondere a tutti i miei quesiti e vorrà fornirmi utili suggerimenti.

Risposta del 29 agosto 2008

Risposta di FRANCESCO GEDDA


La natura maligna del nodulo può essere esclusa definitivamente solo mediante l'asportazione (che in uno struma colloido-cistico è avviene mediante una tiroidectomia totale); un citologico su agoaspirato è sicuramente doveroso sulla formazione cistica con gettone solido, come anche un follow-up stretto, anche in presenza di un citologico negativo. Non complicherei ulteriormente il quadro intervenendo nè con Eutirox nè con alcoolizzazioni.

Dott. Francesco Gedda
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Otorinolaringoiatria
TORINO (TO)



Il profilo di FRANCESCO GEDDA
Per rispondere alla domanda clicca qui

Sei un medico? Clicca qui e scopri come aderire al servizio.


Domande e risposte di Malattie infettive



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Influenza 2017: riflettori puntati sulla vaccinazione
Malattie infettive
27 novembre 2017
Notizie
Influenza 2017: riflettori puntati sulla vaccinazione
Vaccinazioni obbligatorie: facciamo chiarezza
Malattie infettive
04 settembre 2017
Notizie
Vaccinazioni obbligatorie: facciamo chiarezza