01/03/08  - Non ho ancora una risposta concreta..che devo fare? - Stomaco e intestino

01 marzo 2008

Non ho ancora una risposta concreta..che devo fare?




Domanda del 01 marzo 2008

Domanda


carissimo dottore,la ringrazio dell'attenzione nella speranza di essere abbastanza esauriente...Sono una ragazza di 21anni che già da due anni e mezzo soffre di colite nervosa,almeno così mi è stato detto, dai miei sintomi che sono:forti crampi al fianco sinistro e al colon ed evacuazione con Diarrea acquosa che avviene almeno 2volte al mese.Ora io ho sempre sofferto di dolori mestruali cercando rimedi in antidolorifici vari e sono convinta che questi miei disturbi sono dovuti ad un eccesso di farmaci...antispastici,antidolorifici,calmanti che mi hanno causato anche Gastrite e a oggi una gastroduodenite.la mia domanda è:come posso essere certa che si tratti di colite se spesso questi dolori avvengono in concomitanza di ovulazione e mestruazione e perchè nonostante varie cure è persistente?la prego di aiutarmi perchè sono sfiduciata da tt queste cure che a mio avviso peggiorano il mio intestino e la mia vita sociale perchè ormai ne sto facendo un problema a tutti gli effetti che mi limita tantissimo e mi rende sempre più insicura?!?!?la ringrazio vivamente e spero di avere al più presto una risposta anche su eventuali altri esami da fare.arrivederci
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Stomaco e intestino



Potrebbe interessarti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Stomaco e intestino
19 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Gonfiore e distensione addominale: conosciamo causa e trattamento
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Stomaco e intestino
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Sindrome dell'intestino irritabile: un aiuto dai probiotici
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio
Stomaco e intestino
20 aprile 2018
Notizie e aggiornamenti
Diverticolosi. Alimentazione e fattori di rischio