12/06/04  - Non so che fare - Mente e cervello

12 giugno 2004

Non so che fare





Domanda del 12 giugno 2004

Domanda: Non so che fare


Domanda di Mente e cervello, inviata in data 12 giugno 2004.

mia madre soffre da20di depressioni.Ha avuto crisi di vario genere:credeva di essere un altra persona,discuteva da sola,gridava,piangeva e anche se le parlavo lei non mi sentiva,negava la mia esistenza,a volte era pericolosa.Ha avuto una Depressione post-parto dopo la mia nascita,poi è peggiorata.é nervosa,ansiosa,trema spesso,ma il suo dolore,la sua angoscia l'ha trasmessa a noi.La sua famiglia le ha voltato le spalle le siamo rimaste io,le mie sorelle e mio padre.Anche io sto male:sono ansiosa,non mi fido di nessuno,ho paura di diventare come lei.abbiamo tentato in tanti modi ma niente.non so che fare... che mi risponde?
Risposta del 15 giugno 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Lei è giovanissima e si è trovata ad affrontare una delle situazini più micidiali che possano capitare a un figlio.
Sua mamma ha sicuramente un problema psichiatrico di una certa gravità. Non ci scrive se è stata in cura da uno psichiatra oppure no, ma mi creda che questa è l'unica soluzione, per il momento. Ci vogliono dei farmaci ben dati e l'assoluta certezza che sua mamma li prenda regolarmente. Di più al momento non potreste fare.
Invece sarei molto più preoccupata per lei, che si sta caricando di una simile responsabilità (tanto da cercare in internet una soluzione), che è così giovane e che ha bisogno di costruirsi una sicurezza personale e un manuale di istruzione femminile che sua mamma, in queste condizioni, sicuramente non ha potuto trasmetterle.
Non appena le sarà possibile, si tovi una brava psicoterapeuta, una persona di una certa età, e ristabilisca un suo equilibrio.
Lei non c'entra con ciò che è accaduto a sua madre. Spesso queste depressioni sono squilibri biochimici cerebrali, e nessuno è colpevole di ciò.
Fatevi aiutare dai presidi psichiatrici territoriali, chiedete aiuto anche come famiglia e, ripeto, chieda appena possibile aiuto personale: mamme di questo genere, purtroppo, alimentano ferite psicologiche che non è bene lasciare aperte.
C'è un libro della RED Edizioni, "La ferita dei non amati", le potrà essere d'aiuto, anche per non sentirsi sola.
Agite al più presto. Ci faccia sapere, se possibile.
Un caro saluto.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Mente e cervello



Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Telelavoro: pregi e difetti
Mente e cervello
15 novembre 2017
News
Telelavoro: pregi e difetti
A passo di danza si invecchia meglio
Mente e cervello
09 novembre 2017
News
A passo di danza si invecchia meglio