19/09/01  - Obesità - Mente e cervello

19 settembre 2001

Obesità




Domanda del 19 settembre 2001

Domanda


Sono sara ho 50 anni, da 2 in Menopausa ero 49 chili ora sono 65. non riesco a fare a fare a meno dei dolci tutte le diete falliscono prima di cominciare , esiste un famaco che mi blocchi questa " malattia".
spero in una soluzione.
Grazie
Risposta del 22 settembre 2001

Risposta di MAURO MILARDI


E' ormai acquisito che la dieta classica non è un rimedio valido per affrontare i problemi di sovrappeso. Al massimo può far perdere dei chili che verranno ripresi in un successivo, maggiore o minore tempo. L'approccio deve invece focalizzarsi contemporaneamente su vari punti: valutazione medica classica, valutazione nutrizionale, valutazione dell'attività fisica, valutazione psicologica. Quest'ultimo punto diventa poi, comunque, uno snodo centrale di un programma di dimagrimento, sia per trattare eventuali specifici aspetti psicologici, sia per impostare un programma comportamentale.
Si rivolga ad uno psicoterapeuta congitivo comportamentale per un consiglio in merito. Per quanto riguarda i farmaci, attualmente in Italia esistono due farmaci soli per questi temi: uno è l'Orlistat che inibisce l'assorbimento dei grassi, l'altro è la Sibutramina cloridrato che agisce a livello del Sistena Nervoso Centrale. Non ha però senso l'utilizzo di questi farmaci senza uno specifico impiego in un programma di dimagrimento, n‚ questi programmi ne prevedono l'uso e la necessità per tutti.

Dott. MAURO MILARDI
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata



Il profilo di MAURO MILARDI
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Mente e cervello



Potrebbe interessarti
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Energia Mentale
Mente e cervello
27 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Energia Mentale
Terza età. Peggiora la qualità del sonno
Mente e cervello
21 maggio 2018
Notizie e aggiornamenti
Terza età. Peggiora la qualità del sonno