11/07/08  - Orticaria sconfitta senza megadosi - Pelle

11 luglio 2008

Orticaria sconfitta senza megadosi





Domanda del 11 luglio 2008

Domanda: Orticaria sconfitta senza megadosi


Domanda di Pelle, inviata in data 11 luglio 2008.


Egr. Dott. Sportelli,
Siamo veramente demoralizzati : sono tre anni che dura quest'orticaria cronica idiopatica e mia moglie non ne può più. Solo il cortisone le dà un pò di sollievo ma non può continuare a cortisone tutta la vita.
La ringrazio per la Sua cortese spiegazione ma non è quello che mi preme sapere: ovvero, quale ospedale fa uso di questa terapia?? Il Niguarda di Milano non ne fa uso. Conosce qualcuno che potrebbe indicarmi un Ospedale che ne fa uso?
Qual'è il nome commerciale di quelle immunoglobuline? Se lo sapessi potrei contattare la casa farmaceutica per sapere quale struttura rifornisce.
Cordiali saluti e ancora grazie.
Risposta del 14 luglio 2008

Risposta di GIOVANNI SPORTELLI


Tra le indicazioni ufficiali della terapia con immunoglobuline non c'e' l' Orticaria cronica, per cui qualunque medico che la prescriva e' responsabile delle eventuali complicazioni e dovra' rispondere della valutazione del rischio e del suo rapporto con il beneficio atteso. Questa terapia e' stata testata in uno studio sperimentale. Spesso succede che gli entusiasmi iniziali poi si spengano dopo studi successivi. Percio' credo sia il caso di mettere da parte questo tipo di terapia e aspettare sviluppi futuri. Se sono rose fioriranno. Nel frattempo non avete altra scelta che utilizzare le terapie consolidate dal tempo.

saluti
giosp@giosp.it
http://www.giosp.it


Dott. Giovanni Sportelli
Specialista attività privata
Specialista in Dermatologia e venereologia
GROTTAGLIE (TA)



Il profilo di GIOVANNI SPORTELLI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Pelle



Potrebbe interessarti
Cubotti di maiale al pepe verde, miele e susine
Pelle
29 settembre 2017
Le ricette della salute
Cubotti di maiale al pepe verde, miele e susine