14/07/04  - Pappataci e prevenzione - Infanzia

14 luglio 2004

Pappataci e prevenzione





Domanda del 14 luglio 2004

Domanda: Pappataci e prevenzione


Domanda di Infanzia, inviata in data 14 luglio 2004.

Viviamo in una piccola cittadina del Viterbese, nel centro storico. La casa è antica ma ben tenuta e recentemente, in parte, ristrutturata. I dintorni sono coltivati intensamente. Sono circa tre anni che nella stagione estiva fanno la loro comparsa piccoli insentti, quasi trasparenti, velocissimi: mi hanno detto trattarsi di pappataci. Il mio piccolo di due anni è la loro vittima preferita. Ogni giorno compaiono nuovi pizzichi che diventano rossi e infiammati. Ho cercato di combatterli - in casa - con pulizia assidua, con zanzariere alle finestre, sui letti, con Autan bambini. Ma soprattutto di notte e nella nostra camera da letto (nonostante non apra più la finestra se non di mattina) non riesco a debellarli... cosa posso fare, che prodotto usare per il bambino, e come si riproducono questi fastidiosi insetti?
Risposta del 17 luglio 2004

Risposta di MARCO POZZI


la concentrazione di pappataci varia di anno in anno dipendentemente dalle condizioni climatiche presenti nel momento dello sfarfallamento. Contrariamente alle zanzare i pappataci non amano l'acqua ma le uova maturano in fessure del terreno, sterpi, fogliame, spazzatura, ecc. Preferiscono il clima tiepido-umido.
Per ridurre il numero dei pappataci presenti in una certa area sono necessarie opere di disinfezione ambientale ed un'accurata pulizia del territorio. Utile la rimozione del fogliame o la sua movimentazione in modo da rendere l'ambiente inidoneo alla vita delle larve.
Esistono alcuni repellenti di contatto a base di Clorodietilbenzamide o di Dietiltuolamide per ridurre il numero delle punture.
Pungono solo di notte, per cui oltre alle zanzariere e ai classici fornellini (scarsamente efficaci) può essere utile mettere una zanzariera sul letto. Non amando il vento può essere utile, specie nella stagione molto calda, l'attività dei ventilatori a soffitto che movimentando l'aria fanno sì che i pappataci cerchino altri ambienti.
In genere i pappataci si trovano da giugno a settembre con possibili restrizioni o allargamenti del periodo a seconda del clima.
Possono trasmettere alcune malattie come la leishmaniosi e la Meningite da virus Toscana, una Meningite a liquor limpido a decorso benigno, che si riscontra in tutto il bacino del Mediterraneo, ma che ha una particolare diffusione nel centro-Italia, rappresentando l'origine di circa il 50% delle meningiti estive.

Dott. Marco Pozzi
Medico Ospedaliero
FIRENZE (FI)



Il profilo di MARCO POZZI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Infanzia



Cerca nel sito


Cerca in


Farmaci  |  Esperto risponde  |


Schede patologie


Calcolo dei percentili di crescita


Potrebbe interessarti