14/06/04  - Pesantezza insopportabile alle gambe - Malattie infettive

14 giugno 2004

Pesantezza insopportabile alle gambe





Domanda del 14 giugno 2004

Domanda: Pesantezza insopportabile alle gambe


Domanda di Malattie infettive, inviata in data 14 giugno 2004.

Gentilissimi/e dottori/esse, con l'arrivo dell'estate, esattamente come l'anno scorso, si è ripresentato il problema di una forte pesantezza agli arti inferiori, percepito in tutta la sua acutezza soprattutto di sera e di mattina, portando con sè una fastidiosa sensazione di gonfiore in corrispondenza di piedi e caviglie in modo particolare.
Doveroso precisare che sono solita condurre una vita molto sedentaria, escludendo quei 30-45 minuti quotidiani di cyclette.
Ho 22 anni e, vista la mia giovane età, i medici tendono a non dar molto peso a questo mio malessere, che invece mi impedisce di vivere serenamente l'intera stagione estiva.
Esiste qualche rimedio a questo mio problema? E' possibile ipotizzare in via generale le cause dello stesso?
Vi ringrazio moltissimo
Risposta del 16 giugno 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Salve. C'è solo una sensazione di gonfiore o si gonfia realmente?


Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Risposta del 20 giugno 2004

Risposta di GIULIA MARIA D'AMBROSIO


Salve! Visto che la pesantezza è effettivamente seguita da un gonfiore di piedi e caviglie, per quanto non enorme, direi che sembrerebbe esserci un problema di tipo circolatorio. Probabilmente già altri nella sua famiglia soffrono di Vene varicose o delle fatidiche e fastidiose Emorroidi , che sono lo specchio di una congenita difficoltà del sistema venoso a "tenere" salde tutte le sue pareti.
Provi a rivolgersi a un angiologo per essere sicura che non ci siano già sfiancamenti di alcune valvole venose, e studi una terapia dolce di massaggi (si informi bene quali tipi di massaggio sono adatti in questo caso) che aiuti le sue vene a riassorbire regolarmente i liquidi tra i tessuti.
E' importante che affianchi una passeggiata quotidiana, di almeno mezz'ora, ora e sempre (!), perché il sistema venoso è aiutato dalla corretta contrazione muscolare delle gambe. La cyclette ha altri scopi, più legati al funzionamento delle articolazioni. Piuttosto è più utile, la sera, fare "la bicicletta" con le gambe stando sdraiata, per 5 minuti. Un altro movimento ideale è camminare nell'acqua, con l'acqua fino ad appena sotto le ginocchia. Non porti tacchi più alti di tre centimetri.
In bocca al lupo!

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)



Il profilo di GIULIA MARIA D'AMBROSIO
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Malattie infettive



Potrebbe interessarti