03/07/08  - Piercing - Malattie infettive

03 luglio 2008

Piercing




Domanda del 03 luglio 2008

Domanda


salve ho fatto un piercing sabato scorso all orekkio la parte quasi interna ora nn so precisamente come si chiami è diciamo la cartilagine rialzata sopra il lobo,dopo 2 giorni si e gonfiata xke ho preso un colpo ora sto prendendo un antibiotico macladin 500 mg vorrei sapere se sono coperto con questo antibiotico il dolore mi sta passando pian piano ma quello ke mi preoccupa e che mi si e gonfiata anche la parte dietro l orecchio e i primi giorni non riuscivo a muovere la mascella per il dolore aspetto cortesemente una sua risposta grazie
Risposta del 06 luglio 2008

Risposta di FRANCESCO GEDDA


Nè il Macladin, nè altro antibiotico può dare garanzia assoluta di guarigione. La soluzione più prudente alla sua sintomatologia è quella che lei non si vuol sentirsi dire: bisogna rimuovere il piercing, che rappresenta la porta d'entrata alla sua infezione. Se lei lo manterrà (come penso), deve considerare che una pericondrite può portare anche alla necrosi della cartilagine dell'orecchio, con conseguente grave deformità. Faccia la sua scelta.

Dott. Francesco Gedda
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Otorinolaringoiatria
TORINO (TO)



Il profilo di FRANCESCO GEDDA
Clicca qui per inviare una domanda

Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Malattie infettive



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Malattie infettive
01 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Corretto uso degli antibiotici, anche uno spot
Combattere l’influenza con la dieta
Malattie infettive
24 gennaio 2018
Notizie e aggiornamenti
Combattere l’influenza con la dieta
L’influenza è alle porte, ma c’è ancora tempo per ricorrere al vaccino
Malattie infettive
18 dicembre 2017
Notizie e aggiornamenti
L’influenza è alle porte, ma c’è ancora tempo per ricorrere al vaccino