02/12/04  - Poliposi nasale - Malattie infettive

02 dicembre 2004

Poliposi nasale





Domanda del 02 dicembre 2004

Domanda: Poliposi nasale


Domanda di Malattie infettive, inviata in data 02 dicembre 2004.

Poliposi nasale dopo aver effettuato una tac. Il referto cosi' dice : Sono state ottenute scansioni assiali e ricostruzioni coronali delle fosse nasali e dei seni paranasali.La parte posteriore della fossa nasale sinistra è ampiamente occupata da un voluminosa formazione polipoide la cui origine e individuabile nella coda del cornetto medio. Il polipo nasale è lateralmente a contatto del forame sfenopalatino, protude in basso nel meato inferiore e dorsalmente nella coana e nel caco rinofaringeo.Ispessiemnti plurifocali a carattere polipoide, ma di minori dimensioni, si segnalano a carico del cornetto medio di destra, di numerore cellule etmoidaili anteriori di entrambi i lati, della mucosa nasale dei meati superiori e dei seni mascellari. I consigli sulla terapia da seguirie sono discordanti : chi ci consiglia di effetuare intervento chirugico , chi invece una terqapia farnacologica.siamo un po' confusi. Avendo mio padre 62 anni essendo in buona salute Cosa consigliate di fare: La terapia chirurgica e nel caso in cosa consiste, o una terapia farmacologica e nel caso , quali farmaci consigliate? Vi ringranzio per la vostra attenzione al nostro problema.
Risposta del 05 dicembre 2004

Risposta di FRANCESCO GEDDA


Dal referto riportato il caso non sembra una Poliposi etmoido-nasale classica, ma semplicemente un polipo a partenza dal cornetto (o turbinato) medio oppure un polipo antro-coanale (entrambe patologie verosimilmente benigne). A giudicare dall'esame radiologico, sembra indispensaile un intervento chirurgico di exeresi, che l'esame endoscopico potrà dire se possibile in anestesia locale o generale. In qualunque caso è indispensabile una visita ORL portando con sè anche le lastre TAC.

Dott. Francesco Gedda
Medico Ospedaliero
TORINO (TO)



Il profilo di FRANCESCO GEDDA
Risposta del 07 dicembre 2004

Risposta di LORENZO BETTONI


L'intervento chirurgico è indicato. Poi per evitare le recidive è necessario indagare in ambito allergologico e verificare le terapie eventualmente assunte: una terapia mirata consentirà poi di inibire le recidive.
Cordialità

Dott. Lorenzo Bettoni
Medico Ospedaliero
GAVARDO (BS)



Il profilo di LORENZO BETTONI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui

Per scoprire come diventare un esperto di Dica33 clicca qui.


Domande di Malattie infettive



Potrebbe interessarti