25/10/04  - Prevenzione ictus ischemico celebrale - Mente e cervello

25 ottobre 2004

Prevenzione ictus ischemico celebrale




Domanda del 25 ottobre 2004

Domanda


un paziente molto anziano che presenta disturbi tipo "fibrillazione atriale", dopo che si è verificato un TIA peraltro leggero e che non ha portato a conseguenze gravi, è da considerarsi ad alto rischio di un successivo ictus anche letale? su cosa dovrebbe basarsi essenzialmente la prevenzione verso un secondo attacco + grave. grazie. s.m.
Risposta del 31 ottobre 2004

Risposta di MILENA DE MARINIS


In genere, i pazienti affetti da Fibrillazione atriale assumono degli anticoagulanti nella prevenzione dell' Ictus ischemico . Essendo lei in una fascia di età piuttosto avanzata, le sconsiglio una terapia anticoagulante e le suggerisco una terapia antiaggregante, che la protegge, senza eccessivi rischi. Se prima del TiA stava già assumendo una terapia antiaggregante, le consiglio di consultare un neurologo per farsi prescrivere un antiaggregante più "potente".

Prof. Milena De Marinis
Universitario
ROMA (RM)



Il profilo di MILENA DE MARINIS
Per rispondere alla domanda clicca qui

Sei un medico? Clicca qui e scopri come aderire al servizio.


Domande e risposte di Mente e cervello



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     


Schede patologia


Cerca il farmaco


Potrebbe interessarti
Tutti i buoni motivi per ridere
Mente e cervello
19 gennaio 2018
Notizie
Tutti i buoni motivi per ridere
Paura di volare
Mente e cervello
17 gennaio 2018
Notizie
Paura di volare
Adolescenti: gli smartphone alterano il ritmo sonno-veglia
Mente e cervello
04 gennaio 2018
Notizie
Adolescenti: gli smartphone alterano il ritmo sonno-veglia