06/05/15  - Problema alterazione flora intestinale/vaginale - Salute femminile

06 maggio 2015

Problema alterazione flora intestinale/vaginale




Domanda del 06 maggio 2015

Domanda


Gentili dott.
mi rivolgo a voi perché spero possiate dare un parere alla mia situazione.
Da tempo soffro di colon irritabile ma limitando alimenti come latticini, lieviti o prodotti che fermentano riesco a stare bene. Il mio medico di base mi ha sempre detto che è difficile individuare le intolleranze alimentari e mi consiglia fermenti come Codex o Yovis, ma non ho mai fatto test per intolleranze.
Ultimamente ho preso una brutta influenza e mi hanno prescritto una terapia antibiotica di 10 gg (augmentin), più cortisone per via inalatoria e, saltuariamente, vari farmaci da banco come tachipirina/sulidamor.
Dopo un mese e mezzo ho iniziato ad avere episodi di colite e pancia gonfia più forti del solito, ai quali si è associata quella che credevo una cistite. Il medico di base mi ha dato Monuril e sono stata meglio ma continuavo ad avere mal di pancia, nonostante la dieta, e bruciore mentre urinavo. Nell'attesa di andare dalla ginecologa, il farmacista mi ha dato la pomata Gynocanesten ipotizzando una candida che invece ha peggiorato il bruciore.
La ginecologa mi ha poi riscontrato un'alterazione della flora batterica causa terapie antibiotiche che mi hanno abbassato le difese immunitarie. L'infezione vaginale era di tipo batterico e micotico (ma non mi ha fatto tampone vaginale), quindi mi ha prescritto una cura ad ampio spettro con Meclon ovuli, lavande e Diflucan (2 cp) per 10 gg. DOpo la cura sono stata bene un paio di gg, anche con l'intestino. Ma con il ciclo mestruale mi sono tornati tutti i sintomi: bruciore vaginale (senza perdite), stavolta con lieve prurito fino alla zona anale, episodi di colite, pancia gonfia (a volte anche stomaco).
Nell'attesa di tornare dalla ginecologa, vorrei consultare un gastroenterologo, perché forse la causa di tutto è l'intestino. Oppure il problema vaginale non c'entra nulla con l'intestino? Nessuno è riuscito a dirmi con certezza quale sia la prassi da seguire e sono confusa. Spero possiate fornirmi un parere e vi ringrazio!
La domanda è in attesa di risposta.
Sei un medico?

Clicca qui per rispondere alla domanda

Clicca qui e scopri come aderire al servizio




Ultime risposte di Salute femminile



Potrebbe interessarti
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
Salute femminile
19 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Omeopatia, fitoterapia e integratori, un aiuto per la sindrome premestruale
Festa della donna all’insegna della salute ginecologica
Salute femminile
06 marzo 2018
Notizie e aggiornamenti
Festa della donna all’insegna della salute ginecologica
Automedicazione per i disturbi ‘in rosa’
Salute femminile
23 febbraio 2018
Notizie e aggiornamenti
Automedicazione per i disturbi ‘in rosa’